Il Tirreno

Europee: Schlein, 'nome nel simbolo divisivo, ma siamo unici a discutere in chiaro'

24 aprile 2024
1 MINUTI DI LETTURA





Roma, 24 apr. (Adnkronos) - "Siamo l'unico partito che discute in chiaro: non c'è qualcuno che si chiude in una stanza e decide. lo ho ascoltato il dibattito di questi mesi sulla mia candidatura, ho ascoltato quello sulla proposta del simbolo. E mi è sembrato che il modo migliore per rafforzare questa squadra e spingere il partito più in alto fosse quello di correre anche io, mentre l'altra proposta mi è parsa divisiva e l'ho accantonata". Lo ribadisce la segretaria dem Elly Schlein, tornando, in una intervista al Corriere della Sera, sulla vicenda del simbolo del Pd alle europee. "Io ascolto sempre e poi da segretaria mi prendo la responsabilità di fare scelte che ritengo più utili ed efficaci per questo progetto collettivo", aggiunge. Schlein rivendica che sulla composizione delle liste, "meravigliose perché sono aperte a personalità della società civile che per la loro competenza rappresentano le battaglie per l'Europa che vogliamo e nel contempo tengono insieme le migliori energie del partito", per la prima volta si è utilizzato un "metodo nuovo che archivia il manuale Cencelli. E per tenere il partito unito le abbiamo fatte insieme alla minoranza; non ci sono state scelte traumatiche o notti dei lunghi coltelli. Sono state approvate all'unanimità", rimarca.
Le ultime
Il lutto

È morta l’”immensamente Giulia” delle Vibrazioni, il ricordo commovente di Sarcina: «Ora più che mai sei lucente armonia»

Ciao Franchino