Il Tirreno

Versilia

Il lutto

Viareggio, addio all’ultimo dei trabaccolari: muore Pasquale Balloni, una vita per la pesca

di Simone Pierotti
Pasquale Balloni
Pasquale Balloni

Il ricordo del CarnevalDarsena: «Con lui scompare uno degli ultimi anziani fondatori della festa rionale»

06 giugno 2024
2 MINUTI DI LETTURA





VIAREGGIO. Era considerato l’ultimo, vero trabaccolaro. Discendente di quei pescatori che un secolo fa lasciarono San Benedetto del Tronto a bordo di barche chiamate, appunto, trabaccoli e trovarono nella Darsena viareggina la loro nuova casa. Trabaccolari come i Romani, i Palestini, i Guidotti. E i Balloni, certamente. Come Pasquale Balloni, che nella serata di mercoledì 5 giugno ci ha lasciato: aveva 95 anni e ha vissuto una vita sulle barche da pesca. Nato a Viareggio l’8 luglio 1928, Balloni era a sua volta figlio di un pescatore e s’era imbarcato a soli 14 anni, navigando sui pescherecci di famiglia.

Le sue origini

Pasquale era orgogliosissimo delle sue origini sambenedettesi. Tant’è che pure la moglie l’aveva trovata trabaccolara: quasi settant’anni fa sposò la sua Virginia Guidotti e hanno vissuto sempre fianco a fianco in Darsena, in via Menini. Fino all’altra sera, quando Pasquale ha intrapreso la navigazione per l’aldilà. Dal loro amore sono nati Emma e Nicola: tradizione di famiglia vuole che i figli prendano il nome dei nonni. Lei è titolare di due gelaterie molto conosciute e apprezzate a Viareggio; lui ha ricoperto per un biennio la carica di presidente del Carnevaldarsena.

Il Carnevaldarsena

Già, il Carnevaldarsena. Finché le forze gliel’hanno consentito Balloni ha fatto parte delle “giubbe gialle”, i volontari della festa rionale: era tra gli addetti alle cucine, con il fritto misto come specialità. Era, oltretutto, bravissimo a cucinare il pesce. Al Bagno Arizona, sulla Marina di Levante, sono entrate nella leggenda le pentolate di “brodetto”, la zuppa marchigiana di pesce povero con peperoni e aceto, senza pomodoro, servita con pane abbrustolito e agliato. Fino all’anno scorso Pasquale l’ha cucinata insieme al nipote che porta il suo stesso nome e che lavora come chef a Berlino, dove ha portato l’arte della “trabaccolar cooking” appresa dai nonni.

I ricordi

«La notizia della morte di Pasquale Balloni ci addolora profondamente»; sono le parole di Massimiliano Pagni, presidente del Carnevaldarsena: «Con lui scompare uno degli ultimi anziani fondatori della festa rionale. A lui il Rione deve molto, e perciò con grande tristezza faccio le mie condoglianze ai familiari, a nome di tutta l’associazione».
La camera ardente è stata allestita nel salotto di casa sua, in via Menini, 44. I funerali saranno celebrati nella chiesa di Santa Rita venerdì 7 giugno alle 15,30. Alla moglie Virginia, ai figli Emma e Nicola e a tutti i famigliari di Pasquale Balloni vanno le nostre condoglianze.

Primo piano
Incidenti stradali

Prato, perde il controllo della moto e si schianta contro un albero: morto a 49 anni