Il Tirreno

CUCINA SHOW

Sua maestà la bistecca conquista Castagneto

Dario Cecchini, il re della bistecca alla toscana, e l'edizione anni fa di "Castagneto a tavola"
Dario Cecchini, il re della bistecca alla toscana, e l'edizione anni fa di "Castagneto a tavola"

La cena nel centro storico con Cecchini. 130 posti per celebrare il re della carne

30 agosto 2021
2 MINUTI DI LETTURA





Castagneto a Tavola: torna la grande cena in piazza, in cui la tradizione della cucina castagnetana incontra i sublimi vini della Bolgheri Doc e per questa rinnovata edizione, anche la carne del macellaio- poeta più famoso del mondo. L’appuntamento è in Piazza del Popolo, a Castagneto Carducci, giovedì prossimo alle 19, 30. Dopo un anno di fermo dovuto alla pandemia, riparte in una forma rinnovata ed arricchita e avrà come ospite d’eccezione Dario Cecchini, il macellaio-poeta più famoso del mondo. Cecchini ama Dante e la Divina Commedia, le poesie di Borges che declama nel suo ristorante mentre serve i suoi prelibati piatti e ai tempi della mucca pazza celebrò il Funerale della Bistecca. Originario di Panzano in Chianti e macellaio da otto generazioni, è conosciuto e apprezzato per la sua attenzione verso gli animali, il rispetto verso la loro vita e la loro morte, lavorando con responsabilità ed evitando ogni tipo di spreco. Grazie al suo estro, l’Antica Macelleria Cecchini si è trasformata in un piccolo impero conosciuto in tutto il mondo: in un viaggio in Toscana non si può non andare alla sua macelleria con cucina. Netflix gli ha dedicato addirittura un episodio della sesta stagione di Chef’s Table (dal 22 febbraio) . È il terzo italiano ad apparire nella serie cult dopo Massimo Bottura e Corrado Assenza. Da pochi mesi Cecchini è approdato a Castagneto, dove sulla via Bolgherese ha iniziato una stretta collaborazione con lo chef Omar Barsacchi dell’Osteria Magona. 130 saranno i posti a tavola in totale. Il menù prevede gli antipasti e la carne di Dario Cecchini (crostini al burro del chianti, finocchiona chiantigiana, tonno del Chianti, Chianti crudo e pancia in porchetta) i salumi e la zuppa di Omar dell’Osteria Magona, la famosa testina di cinghiale preparata dai cacciatori dell’UCAV, il tutto accompagnato dai vini di Bolgheri, vini di carattere e razza originale, profondamente legati al suolo e al clima del territorio da cui provengono.

Sassicaia è oggi uno tra i più grandi vini del mondo, ma non è il solo. Dalla fine degli anni’80 altri produttori si affiancarono al “mito” per dimostrare che “grande” era l’intero territorio e non solo il singolo vino. Nicolò Incisa della Rocchetta, Piero Antinori, Lodovico Antinori, Piermario Meletti Cavallari e Michele Satta fondarono la DOC Bolgheri che negli ultimi dieci anni ha avuto una rapida espansione e che oggi produce vini pregiati tra i più apprezzati a livello mondiale. Il menù della cena in piazza proseguirà con il caffè, i dolci del piccolo biscottificio Castagnetano e i liquori del Liquorificio artigiano Borsi di Castagneto. Il prezzo è di 50 euro a persona. Obbligatoria la prenotazione telefonica al numero 0565 749705 335 5971465.

Le ultime
Il lutto

È morta l’”immensamente Giulia” delle Vibrazioni, il ricordo commovente di Sarcina: «Ora più che mai sei lucente armonia»