Il Tirreno

L'evento

I primi trent’anni della Fidapa apuana: festa a Villa Alpebella

di Daniela Marzano
I primi trent’anni della Fidapa apuana: festa a Villa Alpebella

Premiata la chirurga Anusca Moisè: con “For Ju” porta avanti un centro per disabili con varie attività

18 settembre 2023
4 MINUTI DI LETTURA





MASSA-CARRARA. Trent'anni e non sentirli. Emozionante festa di anniversario alla presenza di più di 300 invitati, sabato pomeriggio alla Villa Alpebella di Andrea Bocelli (ex-Oliviero), organizzata dall’Associazione Fidapa (Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari) affiliata Bpw Italy (International Federation of Business and Professional Women), per celebrare l’anniversario dalla sua fondazione sul territorio avvenuta nel 1993. Concerto, sfilata, mostra fotografica, premiazione, buffet e tanti ricordi hanno caratterizzato il pomeriggio al quale hanno partecipato una importante rappresentanza di questa associazione che conta in Italia circa 10.000 socie, aderenti a 300 sezioni distribuite su tutto il territorio nazionale, raggruppate in 7 Distretti. La Federazione è nata con lo scopo di promuovere, coordinare e sostenere le iniziative delle donne che operano nel campo delle arti, delle professioni e degli affari. La sua storia risale al 1929 grazie alla milanese Maria Castellani, laureata in Matematica e Statistica, e al suo fortuito incontro con l’avvocato americano Lena Madesin Phillips, che nel 1919 aveva dato vita alla Business and Professional Women’s Foundation (Bpw), con le finalità di “potenziare il senso di responsabilità della donna lavoratrice; elevarne il livello di cultura e di preparazione; renderla idonea a intraprendere qualsiasi carriera, senza discriminazione di sesso” ed era andata a Roma per un suo tour.

Da quell’incontro nacquero le prime federazioni di Roma, Napoli e Milano. In occasione dei festeggiamenti di sabato, si è svolta anche la XI Edizione Premio Donna, che con cadenza biennale viene assegnato a donne della provincia che si sono distinte per l’impegno in attività professionali e sociali. Nomi illustri che hanno ricevuto il premio nelle passate edizioni, la Sindaca di Carrara Serena Arrighi, l’imprenditrice Margheria Dogliani, l’archivista di Stato Olga Raffo e la critica d’arte Francesca Alix Nicoli. Quest’anno l’onore è andato ad Anusca Moisè, chirurga vascolare presso il Noa.

Fondatrice della startup “For Ju” dedicata al figlio disabile Lorenzo (il nome è un chiaro riferimento alla sua squadra del cuore), ricevendo il premio dalle mani della presidente Fidapa Sezione di Massa-Carrara Marzia Grassi – presentatrice dell’evento – ha raccontato commossa come «questo premio ha un valore sociale, per chi come me ha subito anni di discriminazioni per i problemi di Lorenzo, nel lavoro e nella vita quotidiana. È difficile la realtà di chi vive in una famiglia 'diversa' e associazioni come questa fanno sentire meno soli. ‘For Ju’ ha come focus lo sviluppo del centro diurno per disabili, dove si organizzano attività di pesca sportiva, orto rialzato, bricolage e momenti conviviali. In cantiere l’idea di realizzare anche un biscottificio e un birrificio».

Hanno aperto, concluso e inframmezzato l’evento, una quarantina di ragazzi dell’Orchestra Giovanile dell’IC Giorgini di Montignoso diretta dal maestro Prof. Gigi Pellegrini, che hanno accompagnato anche in sottofondo la sfilata “La bellezza nel limite e oltre”, che ha reso modelli per un giorno una decina di ragazzi ‘speciali’.

Erano presenti a rappresentare la rete Fidapa, Fiammetta Perrone (Presidente nazionale), Anna Maria Turchetti (Presidente del Distretto-Centro) e la vicepresidente del distretto apuano Beatrice Vannini, che hanno sottolineato l’importanza di fare rete e unirsi nonostante le diversità; di vivere secondo le proprie passioni ascoltando il cuore; di lavorare per l’inclusione e continuare a fare il lavoro sociale che ha caratterizzato la federazione dagli esordi, dai progetti di screening al seno per le donne ai convegni sulla maternità e il sostegno ai genitori per gestire la disabilità dei figli. Testimonia il lungo percorso fatto dalla Fidapa provinciale in questi 30 anni, la mostra fotografica all’inizio del parco della Villa, con le locandine degli eventi organizzati, le foto di vari gruppi, i premi assegnati alle donne imprenditrici, le campagne di sensibilizzazione. Presenti la Lilt rappresentata dal dott. Pietro Bianchi, Fabio Piazza Group Manager di Che Banca (sponsor insieme a Fondazione CrCarrara); Bianchini, Yara abiti, Damiani Coiffeur e la truccatrice Ilaria Mori per le sfilate; l’Alpemare per il buffet. Per le autorità la sindaca di Carrara Arrighi, le assessore di Montignoso Giorgia Podestà e Gina Gabrielli, gli assessori di Massa Francesco Mangiaracina e Monica Bertoneri.


 

Primo piano
Ambiente

«No alla nuova funivia»: rivolta contro l’ecomostro sull’Appennino tosco-emiliano. I motivi della protesta

di Cristiano Marcacci
Sport