Il Tirreno

Livorno

tennis: serie c femminile  

Garzelli, Casile, Adoncecchi Il derby è di Banditella che sogna la qualificazione

Riccardo Ferretti
Garzelli, Casile, Adoncecchi Il derby è di Banditella che sogna la qualificazione

30 aprile 2021
3 MINUTI DI LETTURA





Riccardo Ferretti

LIVORNO. Nel recupero della prima giornata del campionato di serie C la formazione femminile di Banditella si è aggiudicata 3 a 0 il derby contro le cugine di Villa Lloyd. Nonostante l’assenza della numero uno Carlotta Nassi, ferma ai box per un problema al polso, le ragazze di Silvano Mazzari hanno ottenuto il bottino pieno grazie a tre prestazioni da incorniciare che consentono al team di via Silvestro Lega di rimanere in corsa per la conquista di una delle due poltrone utili del girone necessarie per qualificarsi al tabellone a eliminazione diretta. Nel match di apertura, la 2/8 Camilla Garzelli ha disposto con estrema facilità della pari classifica Alice Spagnoli. 6-2 6-2 il punteggio finale in favore della sedicenne biancoazzurra che ha dimostrato di essere più concreta della tennista biancoverde, di due anni più grande, che ha invece bisogno di costruire uno schema di gioco più semplice, logico e ordinato e soprattutto di ritrovare gli stimoli giusti e la fiducia nei suoi buoni mezzi tecnici. Sul campo centrale all’aperto del club di Antignano un buon numero di spettatori ha assistito a distanza di sicurezza all’incontro più avvincente della sfida . La quindicenne Valeria Casile ha prevalso sulla venticinquenne Micol Sanna al termine di una partita infinita, durata quasi quattro ore, che ha offerto tanti spunti interessanti. La Casile, sul 6-3 5-3, è arrivata a un passo dalla vittoria ma, complice un passaggio a vuoto di una decina di punti , ha dovuto concedere alla più tattica avversaria il secondo set. Sulle ali dell’entusiasmo e senza commettere errori la Sanna si è portata sul 4 a 1 e 40 a 15, molto vicina a una vittoria per certi versi inaspettata. Nel momento di massima difficoltà la giovane pupilla del presidente Roberto Pellegrini, è stata capace di ritrovare un buonissimo feeling con la pallina e grazie al coraggio, ad alcune belle accelerazioni da fondo campo, a una buona gestione dello scambio e a un servizio potente e preciso, raro da trovare nelle donne, ha portato a casa con pieno merito l’incontro. Ed è stata proprio la battuta a tradire invece nell’ultimo game la giocatrice pisana, autrice sul punteggio di 4- 5 e 30 pari di due doppi falli, che hanno consegnato sul piatto d’argento il successo individuale alla Casile. Nel frattempo Irene Adoncecchi era riuscita ad avere la meglio per 6-2 7-5 su una buona Silvia Salvetti, che ha avuto nella seconda frazione la palla per portare la più continua avversaria al terzo set. Ci preme sottolineare come la sfida si sia disputata fra sei giocatrici tutte cresciute nel vivaio dei club, a testimonianza di quanto le due società puntino molto sulla scuola addestramento e agonistica. Il 16 maggio si disputerà l’ultima giornata del raggruppamento con Banditella che dovrà strappare un pareggio in trasferta contro la capolista Tc Prato per avere la certezza matematica di accedere ai playoff o perdere 3 a 1 e sperare che le “girls” di Marco Lepri, ormai condannate ai playout, vincano un contro al Ct Pontedera. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
La tragedia

Infermiera trovata morta in casa a Firenze: sospetto omicidio. Chi è la vittima

di Matteo Leoni