Il Tirreno

Il personaggio

Irene Cecchini, chi è la studentessa italiana che ha “stregato” Putin

Irene Cecchini, chi è la studentessa italiana che ha “stregato” Putin

La 22enne studia a Mosca: è stata protagonista di un botta e risposta col presidente russo

21 febbraio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Si chiama Irene Cecchini, si è trasferita a Mosca per studiare all'Istituto statale per le relazioni internazionali (MGIMO). Ieri, in un forum a Mosca, ha posto una domanda a Vladimir Putin sulle politiche industriali e l'immigrazione spingendo il presidente russo a esprimersi sull'Italia con toni nostalgici: «L'Italia ci è sempre stata vicina, ricordo come mi accoglievano, lì mi sentivo a casa».

La domanda a Putin

La studentessa, 22 anni, come detto ha posto una domanda sulle politiche sull'immigrazione e l'inserimento nel mercato del lavoro russo, avviando poi con Putin un botta e risposta. Il presidente russo le ha chiesto al provenienza e lei ha risposto «dalla zona di Milano». «Un bel posto, una regione industrializzata dell'Italia», ha replicato.

Chi è Irene Cecchini

Irene Cecchini è una studentessa che dopo il liceo a Piacenza si è trasferita nella capitale russa. A giugno 2023, durante il terzo anno accademico, si è presentata con un'intervista al sito dell'Istituto che frequenta a Mosca. «MGIMO è una delle università leader in Russia nelle relazioni internazionali e ha una lunga storia di prestigiosi ex studenti. I suoi docenti sono esperti rinomati nei loro campi. E ho potuto constatarlo personalmente. Prima di tutto, il MGIMO da molta importanza all'esperienza pratica e offre una vasta gamma di stage, scambi e programmi di studio all'estero», diceva. «Inoltre, il suo impegno per l'eccellenza accademica e la ricerca ha prodotto numerose pubblicazioni di articoli accademici, documenti di ricerca e libri. Poi, il MGIMO offre ampie attività extracurriculari, come conferenze con professionisti di alto livello in diversi settori, con ministeri e organizzazioni internazionali. Tutte queste possibilità aiutano gli studenti ad approfondire il proprio interesse e la propria passione in diversi campi», affermava la ragazza, impegnata nello studio del russo che, a giudicare alla conversazione sostenuta con Putin, ha dato ottimi risultati.

Le ultime
Il decreto

Dal governo via libera al Salva-casa: vetrate e sanatorie, le nuove regole