Il Tirreno

Versilia

In edicola

Tornano i poster del Carnevale di Viareggio con il manifesto di Francesconi

di Simone Pierotti
Gionata Francesconi con il manifesto che ha realizzato per i lettori del Tirreno (foto Roberto Paglianti
Gionata Francesconi con il manifesto che ha realizzato per i lettori del Tirreno (foto Roberto Paglianti

Regalo d’artista per i lettori del Tirreno: «Così celebro il primo di altri 150 anni». Stavolta la collezione potrà essere richiesta anche a Lucca e Massa-Carrara

31 gennaio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





VIAREGGIO. Il manifesto dell’iniziativa dei poster dei carri che il nostro giornale porta avanti da oltre trent’anni non può che avere come soggetto una vecchia costruzione incentrata sul mondo della carta stampata. Deve averla pensata così, l’ex carrista – ma sarebbe ingeneroso definirlo solamente in questi termini: chiamiamolo artista e mettiamo tutti d’accordo – Gionata Francesconi: la locandina che ha realizzato (gratuitamente) per i mitici poster del Tirreno dei carri di prima e seconda categoria è un richiamo a “Fantastampa”. Ve lo ricordate, vero? Era il carro con cui si presentò sui viali a mare nel 2003 e con cui ottenne un settimo posto che per tanti rimane ancor oggi uno scandalo. E come tiene a precisare lui è un divertissement più che un’autocelebrazione: «Mi avevate chiesto di disegnarvi il manifesto per i poster già un anno fa – ricorda Francesconi – sono onorato di fare qualcosa per voi. Stavolta voglio celebrare il primo di altri 150 anni di Carnevale, dopo il traguardo che abbiamo raggiunto l’anno passato: la scritta è un po’ liberty, un po’ fattucchiera, sicuramente stravagante». E poi c’è il mascherone centrale di “Fantastampa” che, oggi come allora, «si affaccia da un giornale catastrofico, nonsense, con tanti titoli messi insieme a casaccio».

Parliamo dei poster dei carri, veri protagonisti di questa iniziativa. Sono diventati da tempo un oggetto di culto per i collezionisti, che li scambiano o li cercano perfino sulle varie piattaforme di e-commerce: è un segno dei tempi che cambiano. Decisamente più controcorrente, e se vogliamo rassicurante, il fatto che questi poster stampati su carta pregiata resistano all’incombere della tecnologia e del digitale. Impensabile, dunque, un Carnevale senza i poster che ritraggono i bozzetti dei nove carri di prima categoria e dei quattro di seconda e le loro foto alla sfilata di sabato prossimo: come sempre, gli scatti sono affidati al nostro fotografo di lungo corso Roberto Paglianti. Ma è altrettanto vero che non ci sarebbe l’iniziativa dei poster senza la collaborazione della Fondazione Carnevale, che ha concesso l’utilizzo del manifesto ufficiale e dei bozzetti delle costruzioni, senza l’impegno degli artisti che disegnano la locandina ad hoc, senza i nostri fotografi e soprattutto senza le aziende che garantiscono un sostegno economico a questo appuntamento ormai irrinunciabile. Per quest’anno il Tirreno ha scelto il salone del Gran Caffè Margherita per presentare l’iniziativa, grazie anche alla disponibilità di Antonella Pesetti che gestisce il bar-ristorante al suo interno. «Un luogo ideale» l’ha definito Ilaria Bonuccelli, responsabile della maxi-edizione di Lucca, Massa-Carrara e Versilia. «Il Tirreno cerca sempre di creare comunità, il Carnevale è di tutti i viareggini e si declina in tanti modi e tante storie. Soprattutto, ha dato uomini dalla schiena dritta come l’autore di canzoni Cravache, poi morto in un campo di concentramento nazista, o i carristi che hanno raccontato la storia d’Italia come nessun altro ha fatto ha voluto fare».

A lei il compito di illustrare una novità di quest’anno: «Come sempre, il raccoglitore e i poster con i bozzetti e le foto dei carri, del manifesto ufficiale e di quello realizzato da Gionata Francesconi saranno disponibili nelle edicole di Viareggio, Camaiore e Massarosa che sono indispensabili. Però anche quest’anno il Carnevale andrà in trasferta a Lucca, perciò daremo la possibilità ai lettori di quella zona, ma anche della Provincia di Massa-Carrara, di richiedere in omaggio la collezione completa inviando un’email alle nostre redazioni».


 

Primo piano
L’inchiesta

Crollo all’Esselunga di Firenze, gli investigatori si concentrano sul “dente” della trave: cos’è e perché potrebbe aver ceduto – Video

di Matteo Leoni
Le nostre iniziative