Il Tirreno

Carceri: Iv scrive a parlamentari, 'visitiamo tutti un istituto lunedì prossimo'

11 luglio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Roma, 11 lug. (Adnkronos) - “Visitare un carcere e chi lo abita: lo facciamo insieme lunedì 15 luglio?”. Lo chiedono Enrico Borghi e Davide Faraone, capogruppi di Italia Viva rispettivamente al Senato e alla Camera, e in una lettera inviata a tutti i senatori e a tutti i deputati. “Mercoledì 17 luglio è calendarizzata in aula a Montecitorio la proposta di legge sulla riforma della liberazione anticipata che è volta a dare un minimo di sollievo al pressante sovraffollamento del nostro sistema penitenziario che oggi registra 14.000 detenuti in più rispetto ai posti disponibili e arriva ad un indice nazionale del 130%. Comunque la si pensi sulle soluzioni più adeguate da adottare – scrivono i capigruppo Iv - è indubbio che tanto la maggioranza quanto l’opposizione, hanno riconosciuto che quello del sovraffollamento è un problema serio che va affrontato urgentemente anche con iniziative parlamentari. Il ritmo crescente dei suicidi costituisce un indice, mai raggiunto in passato, che non può essere sottovalutato: nei primi sei mesi di quest’anno 49 detenuti e 5 agenti di polizia penitenziaria si sono tolti la vita”. “Con l’estate e il caldo soffocante che in carcere significano ulteriori sofferenze per tutta la comunità penitenziaria, ti propongo di compiere tutti insieme un atto parlamentare di grande significato: quello di visitare, il giorno 15 luglio, ciascuno possibilmente nel suo territorio, uno dei 189 istituti penitenziari che abbiamo in Italia. Visitando un carcere – spiegano Borghi e Faraone - avremo tutti maggiore consapevolezza della situazione reale che i puri dati non riescono a restituirci: vedere con i propri occhi, parlare con coloro che in carcere ci lavorano e con i detenuti, visitare le celle e chi ci abita così come i posti di lavoro di agenti, direttori, comandanti, educatori, medici, psicologi etc. dà al nostro agire quel valore umano di coinvolgimento che le cifre, i dati nudi e crudi, non ci fanno comprendere fino in fondo. La prerogativa che abbiamo noi parlamentari di poter visitare le carceri senza autorizzazione (art. 67 dell’ordinamento penitenziario) è decisamente molto importante e non va sottovalutata soprattutto per chi come noi è legislatore. Visitare un carcere e chi lo abita: lo facciamo insieme lunedì 15 luglio?”.
Primo piano
Allarme criminalità

Dietro ai roghi di Prato la “guerra delle grucce”: un affare da cento milioni di euro

di Paolo Nencioni