Il Tirreno

Lavoro: Boccia, 'Meloni tradisce promesse, avanti con salario minimo'

31 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Roma, 31 mag. (Adnkronos) - "Apprendiamo oggi dalla campagna elettorale della destra che Giorgia Meloni ha riscoperto la centralità del lavoro dicendo che è la sua fissazione. L'unica cosa che è aumentata in questi mesi è il lavoro povero". Così Francesco Boccia, presidente dei Senatori del Partito Democratico, arrivando a Copertino (Lecce) per alcune iniziative elettorali in vista delle elezioni europee dell’8 e 9 giugno. "Dopo tante sottovalutazioni delle denunce sul lavoro povero fatte in piazza e in Parlamento dal Pd, ha finalmente scoperto che è una priorità assoluta. Ma ha talmente a cuore il lavoro, che anziché rendere strutturale il taglio del cuneo fiscale lo ha previsto solo come bonus annuale e anche dal Def, in cui hanno inserito solo i dati tendenziali, ne viene la conferma. Ha talmente la fissazione per il lavoro che quando il Pd, insieme alle altre opposizioni, ha proposto il salario minimo, perché sotto i 9 euro non è lavoro ma sfruttamento, ha risposto sempre e solo no, dando uno schiaffo a tutte le lavoratrici e i lavoratori poveri. Il Governo Meloni è così attento al lavoro, che quando proponiamo di proibire gli stage gratuiti gira la testa dall'altra parte". "La Presidente Meloni ha riscoperto in queste ore di campagna elettorale l’esistenza dell’emergenza lavoro, per il Pd di Elly Schlein è la priorità assoluta e continueremo la nostra battaglia sul salario minimo, sull'abbattimento del cuneo fiscale, continueremo a combattere il lavoro povero, a voler cancellare gli stage gratuiti e garantire la massima sicurezza sul lavoro. Forse in Fdi non si sono accorti che governano da quasi due anni con la leader del loro partito e i cittadini sono stanchi di propaganda, parole e promesse".
Primo piano
Lavoro e diritti

Amadori annuncia il licenziamento di 200 lavoratori in Toscana: sciopero il 20 giugno