Il Tirreno

Nuoto: Europei Madeira, Italia prima nel Medagliere

26 aprile 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Milano, 27 apr. (Adnkronos) - Quanta Italia sul podio! agli Europei di nuoto Paralimpico in corso a Madeira. Il nostro paese con 22 medaglie d'oro, 20 d'argento e 11 di bronzo comanda il medagliere ad un giorno dalla conclusione. Carlotta Gilli è regina anche dei 400 stile libero S13. Quarto oro individuale per l’atleta del GS Fiamme Oro e della Rari Nantes Torino. Dopo il successo nei 100 farfalla, nei 50 e 100 stile libero, oggi nel penultimo giorno di gare al Penteada, l’azzurra scrive la storia anche nella lunga distanza aggiungendo al medagliere italiano un preziosissimo, quanto necessario oro. La ventitreenne piemontese chiude la finale a 4’32”98 annichilendo le sue avversarie. All’ucraina Stetsenko l’argento (4’40”72), il bronzo all’irlandese Ni Rian (4’44”62). Nella stessa finale anche Alessia Berra (Fiamme Azzurre/Polha Varese) che ottiene l’8° posto europeo (5’08”75). Altissima la concentrazione di Angela Procida (GSPD/CS Portici) che è scesa in acqua con l’obiettivo di andare sul gradino più alto del podio. Non delude di certo le sue aspettative perché nella finale diretta dei 50 dorso S2, l’azzurra porta all’Italia la medaglia d’oro numero 20 grazie al tempo nuotato in 1’10”91. Dietro la partenopea si piazza la Koltsova (NPA – 1’12”81) e la spagnola Perales (1’26”44). “Vincere quest’oro per me è stata un’emozione grandissima – dice la Procida - soprattutto perché nessuno può immaginare quanto io ci tenessi a portare in alto il tricolore italiano e quanto dopo gli europei del 2021, mancati nella mia classe, desiderassi nuotare una gara all’altezza delle mie aspettative e di tutti i sacrifici che faccio”. Non finisce mai di stupire Francesco Bettella. L’ingegnere di Padova nella finale diretta dei 50 dorso S1 tiene duro e si prende un gratificante bronzo. Nonostante qualche passeggero inceppamento di salute, vissuto qui a Madeira, l’azzurro del GS Fiamme Oro e della società Civitas Vitae Sport Education si impone in 1’15”82 chiudendo il podio dietro all’israeliano Shalabi che si becca l’oro (1’12”89) mentre l’ucraino Kol l’argento (1’14”59). Xenia Francesca Palazzo supera se stessa. Al penultimo giorno di europei, la veronese tesserata per il GS Fiamme Azzurre e del Verona Swimming Team, ha ancora assi nella manica da sfilare ed oggi, nonostante la stanchezza ed un leggero mal di schiena, porta all’Italia un favoloso argento. Nella finale diretta dei 200 misti SM8 l’azzurra tiene testa alle sue avversarie e si impone con un sonoro 2’46”50, tempo che le regala un’altra preziosa medaglia da mettere nel suo palmares. Alla greca Michalentzakis l’oro (2’26”30) e all’israeliana Malyar il bronzo (2’30”30). Due medaglie d’oro rispettivamente nei 50 rana SB4 e 200 misti SM5, un argento nei 50 stile libero S5, Monica Boggioni torna sul podio, con un altro magnifico oro stavolta nei 200 stile libero S5. Senza strafare, l’azzurra conferma la sua supremazia e vince il metallo più prezioso chiudendo a 2’49”62. Secondo posto all’ucraina Poida (2’59”98), seguita dalla ceca Koupilova (3’03”66). Volere è potere e questa vittoria ne è la dimostrazione. Francesco Bocciardo si riconferma campione europeo nel 200 stile libero S5. L’azzurro del GS Fiamme Oro e della Nuotatori Genovesi, sgretola letteralmente i suoi avversari toccando la piastra per primo con un rombante 2’28”40. Alle spalle dell’italiano Pulver (2’30”20) e l’ucraino Komarov (2’32”87). Finale mozzafiato quella dei 100 stile libero S10 dove Alessia Scortechini oltre a vincere una bella medaglia di bronzo migliora il suo primato italiano mettendo il sigillo su 1'01"64. Medaglia d'oro per l'olandese Kruger (1'01"18) l'argento invece per la francese Pierre (1'01"47). Un altro prestigioso oro quello che va nelle mani di Stefano Raimondi (GS FF.OO/Aly sport). Dopo la medaglia d'oro nei 100 rana, nei 200 misti, nei 100 farfalla, l'azzurro domina anche la finale dei 100 stile libero S10 che chiude a 51"93 sfiorando il suo personale.Una cavalcata trionfale quella dell'italiano a questo Europeo Open di Madeira che conferma l'eccezionale stato fisico. Dietro al nostro Raimondi, l'ucraino Nimchenko (52"68) e l'inglese Tuckfield (53"93).
Le ultime
Il lutto

È morta l’”immensamente Giulia” delle Vibrazioni, il ricordo commovente di Sarcina: «Ora più che mai sei lucente armonia»

Ciao Franchino