Il Tirreno

Russia: Isw, 'Mosca pone condizioni per destabilizzare la Moldavia'

29 gennaio 2024
1 MINUTI DI LETTURA





Washington, 29 gen. (Adnkronos) - Il Cremlino si prepara a destabilizzare la Moldavia, probabilmente anche per ostacolare la sua integrazione nell’Ue. Lo scrive il think tank statunitense Institute for the Study of War (Isw). Le tensioni tra Moldavia e Russia si sono intensificate in seguito all'invasione dell'Ucraina da parte di Mosca, con il governo filo-occidentale di Chisinau che ha ripetutamente accusato il Cremlino di tentativi di destabilizzazione. Alexei Polishchuk, direttore del Secondo Dipartimento dei Paesi della Comunità degli Stati Indipendenti (Csi) presso il ministero degli Esteri russo, ieri ha affermato in un'intervista alla Tass che la Moldavia ha iniziato a "distruggere i suoi legami " con la Csi guidata dalla Russia. Nel frattempo circolano voci secondo cui Chisinau lascerà la Csi entro la fine del 2024. La Comunità degli Stati Indipendenti è stata istituita in seguito al crollo dell'Unione Sovietica nel 1991 e attualmente raggruppa nove ex repubbliche sovietiche. La Moldavia non ha lasciato formalmente la Csi ma ha di fatto sospeso la sua partecipazione all’organizzazione nel 2022. Polishchuk ha affermato che la sua uscita non avvantaggerebbe né i cittadini né l'economia della Moldova. Ha anche affermato che la soluzione della questione della Transnistria in Moldavia si trova in una "profonda crisi" e che la Russia potrebbe risolverla come "mediatore e garante".
Primo piano
La testimonianza

Firenze, parla Maria: «Così la polizia mi ha fratturato il naso durante il corteo, colpita al volto senza motivo»

di Danilo Renzullo
Le nostre iniziative