Salario minimo: Boccia, 'Mattarella ricorda che tutela salari è principio costituzionale'

15 settembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Roma, 15 set. (Adnkronos) - "Siamo grati al presidente Mattarella per le parole che ha saputo usare questa mattina all’assemblea di Confindustria. Il presidente ha sottolineato che una retribuzione equa e la difesa dei salari sono la garanzia di una società democratica. Che la libertà di mercato non deve ledere i diritti civili, che i giovani vanno pagati di più sennò emigrano, che la sicurezza degli operai va garantita. Salari equi sono la garanzia di una vita dignitosa, la condizione, per le giovani generazioni, di costruirsi una prospettiva di vita. Siamo convinti, e la nostra battaglia per il salario minimo va in questa direzione, che la retribuzione equa di un lavoro voglia dire tutelare uno dei principi fondamentali della nostra Costituzione e al tempo stesso garantire un futuro ai nostri giovani che non devono più essere costretti a lasciare il nostro Paese". Lo dichiara Francesco Boccia, capogruppo del Partito democratico in Senato. "Il presidente Mattarella - continua - ci ha ricordato che una redistribuzione della ricchezza è l’unica possibilità per vivere in una società aperta e democratica. Per questo diciamo al presidente Bonomi che certo è necessario rendere strutturale il taglio del cuneo fiscale, come da lui sottolineato, per abbassare le tasse sul lavoro e aiutare le imprese, ma che il salario minimo è condizione per una società equa in cui sia riconosciuta, come ricordato da Mattarella, la dignità del lavoro di ogni cittadino".
Primo piano
L'intervista

Peretola, l'annuncio di Carrai: «La nuova pista si fa. Ecco quando iniziano i lavori»

din Giuseppe Boi