Il Tirreno

Toscana

Tennis

Jasmine Paolini è nella storia: la Toscana vola in finale a Wimbledon. «Ricorderò questo match per sempre»

Jasmine Paolini è nella storia: la Toscana vola in finale a Wimbledon. «Ricorderò questo match per sempre»

Partita combattutissima con la croata Vekic, sconfitta al terzo set al tie-break. La giocatrice di Bagni di Lucca è la prima finalista italiana sull’erba inglese

11 luglio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





WIMBLEDON. È stato il tie-break del terzo set a decidere la prima finalista del singolare femminile di Wimbledon. L'azzurra Jasmine Paolini è la prima storica, per l’Italia, finalista nello Slam londinese. La numero 7 del mondo nel pomeriggio di giovedì 11 luglio si è imposta dopo una gara di grande sofferenza sulla croata Donna Vekic, numero 37 Wta, in tre set in rimonta con il punteggio di 2-6, 6-4, 7-6 (10-8).

La partita

La Paolini dopo aver perso il primo parziale, dominato da Vekic in 35 minuti, per 6-2, reagisce in un secondo set equilibrato, deciso dal break nel decimo gioco, per 6-4. Partita di sofferenza e sempre all'inseguimento per la Paolini che nel terzo e decisivo set passa avanti con la Vekic che annulla il primo match point per la Paolini sul 5-4 det terzo. Poi la croata annulla un secondo match point sul 6-5, ma alla terza occasione sul 9-8 al tie-break del set decisivo l'errove della Vekic regala la gioia più grande alla tennista italiana.

La gioia di Jasmine

«"Ricorderò questo match per sempre. Non c'è posto migliore di questo dove lottare su ogni palla, è bellissimo giocare davanti a voi. Per un tennista questo è il posto più bello dove giocare, grazie per avermi sostenuto. Per la famiglia non è facile vivere partite così, una montagna russa dal punto di vista emotivo». Lo ha detto Jasmine Paolini al termine della semifinale vinta, a Wimbledon, contro la croata Donna Vekic. «È stata durissima, Vekic tirava vincenti da tutte le parti. All'inizio è stato difficile, mi sono detta di migliorare punto dopo punto», ha detto ancora la tennista toscana. «Gli ultimi mesi sono stati folli per me, devo ancora rendermi conto di cosa è successo. Cerco di concentrarmi su cosa accade in campo. Da ragazzina guardavo le finali di Wimbledon, adesso vivo alla giornata e mi diverto. Adesso è il momento di recuperare verso la finale», ha concluso la Paolini, prima italiana in finale sull'erba londinese e prima italiana di sempre a giocare due finali Slam consecutive, dopo quella al Roland Garros.

Primo piano
Il dramma sfiorato

Viareggio, bimbo di due anni rischia di annegare in piscina: salvato dall’intervento della bagnina

di Roy Lepore