Il Tirreno

Toscana

La criticità

Allarme cinghiali in Toscana: due novità per aumentare gli abbattimenti, ecco quali sono


	Allarme cinghiali in Toscana
Allarme cinghiali in Toscana

La decisione della giunta regionale nella serata di lunedì 8 luglio: cosa cambia nel dettaglio

08 luglio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





La Regione Toscana si mobilita in risposta al grido di allarme degli agricoltori toscani, che sono tornati a sollevare il problema delle coltivazioni attaccate dai cinghiali.

Il piano

La Toscana un piano straordinario di prelievo già ce l’aveva, adottato nel 2022 per la gestione, il controllo e l’eradicazione della peste suina, aggiornato a dicembre del 2023. I cinghiali sono infatti un vettore della malattia. «Con la delibera approvata nella seduta di giunta di stasera (8 luglio, ndr) introduciamo alcune novità – spiegano il presidente della Toscana Eugenio Giani e la vicepresidente, con delega all’agricoltura, Stefania Saccardi –. La prima e più importante riguarda un primo stanziamento di 20mila euro destinato all’acquisto di celle frigorifere e allestimento di centri di raccolta della selvaggina, senza di cui abbattere i cinghiali risulta complicato se non impossibile. Si tratta di un contributo destinato agli ambiti territoriali di caccia – proseguono Giani e Saccardi – e di questi primi ventimila euro quindicimila saranno indirizzati agli Atc che hanno uno o più comuni in zone di restrizione 2 e 1, collegate al rischio di peste suina, e cinquemila agli Atc confinanti». Allo stato attuale saranno pertanto indirizzati alle province di Massa-Carrara e Lucca.

La seconda novità

Una seconda novità riguarda la possibilità, per le imprese agricole, di poter usare propri dipendenti cacciatori per l’abbattimento dei cinghiali nei terreni di proprietà: su delega ed autorizzazione della polizia provinciale e in area interessate dalla peste suina e non vocate, come le aree agricole. Fino ad oggi la possibilità riguardava solo i proprietari e conduttori dei terreni. Nella delibera si ribadisce che proprietari e dipendenti possono sempre intervenire come partecipanti agli interventi di controllo e contenimento in ambito urbano. C’è anche un richiamo, nel testo licenziato dalla giunta, alle polizie provinciali, che devono rispondere alle richieste di intervento entro ventiquattro ore. «Con questa delibera – concludono Giani e Saccardi – pensiamo di aver dato una risposta concreta alle preoccupazioni degli agricoltori».

Venerdì nero
La scheda

Crash informatico, cosa c’è dietro al caos che ha mandato in tilt aeroporti, banche e media di tutto il mondo: il problema, i tempi e l’esperto