Il Tirreno

Toscana

L'iniziativa

"La Toscana delle donne": Cristiana Capotondi apre il festival

di Giulia Poggiali

	Cristiana Capotondi
Cristiana Capotondi

Il festival, dal titolo “Umanità”, è in programma dal 19 al 27 novembre. L’ideatrice Cristina Manetti, capo di gabinetto della Regione Toscana: «Simbolo e veicolo di speranza in un periodo carico di violenza»

30 ottobre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





FIRENZE. Cristiana Capotondi per il festival “La Toscana delle donne” sarà l’Elettrice Palatina. La nota e amatissima attrice, dopo il recente successo al teatro della Pergola di Firenze con “La vittoria è la balia dei vinti”di Marco Bonini, torna a Firenze con un nuovo spettacolo scritto per l’occasione. Nella serata di apertura, domenica 19 novembre, la Capotondi sul palco del Teatro Verdi interpreta l’ultima discendente dei Medici. Ad accompagnare al piano forte il monologo ci sarà Giulia Mazzoni, pianista toscana che torna a emozionare il pubblico della “Toscana delle donne” dopo l’esibizione dell’anno scorso.

Il festival, dal titolo “Umanità”, si svolge dal 19 al 27 novembre e conta trenta iniziative che accendono i riflettori su sanità, welfare, cultura e spettacolo. L’ideatrice è Cristina Manetti, capo gabinetto della Regione Toscana, che rivolge un pensiero a tutte le donne che nel corso dell’ultimo anno hanno raggiunto grandiosi risultati. Infatti l’edizione si ispira ai talenti femminili che con i loro contributi aiutano la società a crescere. «Il titolo della seconda edizione deriva dalla scultura di Sauro Cavallini che ci ha concesso di renderla il suo simbolo. La donna si fa veicolo di speranza e umanità, in un periodo così carico di violenza», ha detto Cristina Manetti. «Questa seconda edizione –ha aggiunto il presidente Eugenio Giani – è dedicata all’anno europeo delle competenze, che si inserisce nel contesto della doppia transizione verde e digitale da una parte e, dall’altra, delle nuove opportunità che si apriranno con essa per il mercato del lavoro e l’economia europea. Vanno in questo senso progetti regionali come quello dei nidi gratuiti, la nostra attenzione per la sanità di genere, gli interventi per un trattamento più equo sul lavoro, il supporto all’imprenditorialità femminile, il sostegno alla cultura e alla creatività espressa dalle donne e tutto il nostro impegno per affermare la parità così come le iniziative contro la violenza di genere per il quale la Regione agisce con leggi e misure concrete». La manifestazione inizia domenica 19 novembre alle 17.30 al Teatro Verdi. Poi il fotografo Massimo Sestini presenterà la mostra fotografica “La Toscana delle donne” che ha realizzato per la Toscana Promozione Turistica nell’ambito dei progetti di promozione turistica “Benvenute”. Ben 20 ritratti di donne che lavorano nel turismo immortalate in un istante della loro quotidianità. Scatti che poi verranno esposti a Palazzo Strozzi Sacrati. Il 29 novembre sarà invece una giornata dedicata allo sport al Palawanny dove le atlete della pallavolo delle squadre Savino del Bene, Bisonte e Sitting Volley si racconteranno. Il giorno successivo il festival continua con talk sulla parità di genere nella pubblica amministrazione, nel terzo settore e nelle cooperative con l’evento “Di pari passo”, mentre il 23 novembre sarà possibile effettuare uno screening per la prevenzione dei tumori femminili all’interno di un camper parcheggiato in piazza Duomo.

Il 25, che è la giornata mondiale contro la violenza sulle donne, sarà cadenzata da una serie di iniziative, dalla presentazione della mostra della pittrice Olga Yakubovskaya a performance di body painting all’esibizione del gruppo Women in black. l
 

Venerdì nero
La scheda

Crash informatico, cosa c’è dietro al caos che ha mandato in tilt aeroporti, banche e media di tutto il mondo: il problema, i tempi e l’esperto