Il Tirreno

Prato

Violenza sulle donne

Prato, a 70 anni arrestato per violenza sessuale su una donna al quinto mese di gravidanza


	L'ospedale di Prato
L'ospedale di Prato

La trentacinquenne è stata aggredita per strada e si è segnata il numero di targa del furgone dell’uomo, che nega ogni addebito: il racconto degli attimi di terrore

30 novembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





PRATO. Un uomo di 70 anni è stato arrestato nei giorni scorsi con l’accusa di violenza sessuale nei confronti di una donna di 35 anni, al quinto mese di gravidanza.

L’aggressione

I fatti, secondo quanto riferito dagli inquirenti, sono accaduti il 1° novembre e la dinamica è quantomeno brutale. Stando al racconto della donna, la trentacinquenne stava camminando sul marciapiede quando ha visto fermarsi un furgone dal quale è sceso l’uomo, un perfetto sconosciuto, che le si è avvicinato e le ha messo le mani addosso chiarendo subito quali fossero le sue intenzioni. Incurante del fatto che fosse sulla pubblica via e in pieno giorno, l’uomo ha tentato di togliere i pantaloni alla donna, strappandoli, e tentando di avere un rapporto sessuale. La donna è riuscita a divincolarsi e l’uomo a questo punto ha desistito, è tornato al furgone e si è allontanato. Non prima, però, che la donna riuscisse a segnarsi il numero di targa. Nel frattempo sul posto si era fermato un passante, che ha soccorso la trentacinquenne (poi trasportata al pronto soccorso dell’ospedale Santo Stefano) ma non ha visto in faccia l’aggressore.

Gli arresti domiciliari

Quest’ultimo è stato rintracciato dopo alcuni giorni proprio grazie al numero di targa. Il giudice per le indagini preliminari, su richiesta del sostituto procuratore Alessia Iacopini, ha firmato un’ordinanza di custodia nei suoi confronti e il settantenne è finito agli arresti domiciliari. Successivamente è comparso davanti al giudice nell’interrogatorio di garanzia e ha negato di aver aggredito la donna, che però lo ha riconosciuto senza alcuna ombra di dubbio.

Il caso
L’esecutivo alle terme

Studenti manganellati, il governo dei duri in masseria: a Saturnia il gelo dei ministri e la scossa di Giani

di Mario Neri
Le nostre iniziative