Il Tirreno

Prato

Tribunale

Smaltisce illegalmente scarti tessili e finisce in carcere


	Scarti tessili abbandonati in un campo (archivio)
Scarti tessili abbandonati in un campo (archivio)

I carabinieri di Prato hanno arrestato un cinese di 48 anni dopo una condanna emessa dal Tribunale di Firenze

26 febbraio 2023
1 MINUTI DI LETTURA





PRATO. Si può finire in carcere anche con l’accusa di aver smaltito illegalmente rifiuti speciali, i famosi “sacchi neri” contenenti scarti tessili che ormai da anni infestano le campagne della provincia di Prato e delle province limitrofe a causa delle confezioni che così risparmiano sui costi di smaltimento.

Lo dimostra il caso di un cinese di 48 anni che è stato arrestato sabato 25 febbraio dai carabinieri della stazione di Iolo in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura di Firenze in seguito a una condanna per smaltimento illecito di rifiuti. L’uomo, spiegano i carabinieri di Prato, ha numerosi precedenti penali per lo smaltimento illegale di rifiuti e procedimenti in corso in diverse Procure del circondario.

Primo piano
La sentenza

Pisa, morto a 52 anni per l’amianto respirato sulle navi della Marina: la figlia risarcita dopo 24 anni

Il commento audio

Morte di Mattia Giani, il direttore del Tirreno alla partita della vergogna: «Una crudele idiozia»