Il Tirreno

Pontedera

Serie C

Pontedera, il bottino è magro ma il bicchiere è mezzo pieno

di Stefano Scarpetti
Pontedera, il  bottino è  magro ma il bicchiere è mezzo pieno

A Cesena caccia alla prima vittoria al quinto tentativo

23 settembre 2022
3 MINUTI DI LETTURA





PONTEDERA. Ultimi dettagli da sistemare per il Pontedera in vista della difficile trasferta di domani (ore 14.30) allo stadio “Orogel Dino Manuzzi” di Cesena contro i bianconeri. I numeri non sorridono in queste prime quattro giornate alla formazione granata, che ha raccolto 3 punti. Il bottino è sicuramente magro, soprattutto rapportato alla mole di gioco della compagine di Pasquale Catalano in questo primo scorcio di campionato.

Se andiamo ad analizzare queste prime quattro giornate con quelle degli scorsi campionati a livello puramente aritmetico, bisogna arrivare alla stagione 2017-18 per trovare un avvio simile, in quella circostanza i granata conquistarono due punti nelle prime quattro partite. Era la prima stagione con Ivan Maraia in panchina, la prima vittoria arrivò all’ottava giornata (2-0 al Piacenza), poi la squadra conquistò una salvezza molto tranquilla, arrivando addirittura ai playoff.

Il successo per il Pontedera sarebbe ovviamente importante, darebbe maggiore fiducia e autostima, ma non deve rappresentare una ossessione. Il gruppo c’è, il fatto di rimontare per ben tre volte su quattro gli svantaggi durante i secondi tempi è testimonianza di grande determinazione e compattezza. Rimanendo alle statistiche, che dopo quattro partite hanno una valenza molto parziale, si nota che i granata sarebbero all’ultimo posto riguardo ai primi tempi e al quarto se fosse stilata sulla base dei secondi.

È necessario però limare quegli errori costati gli svantaggi in queste prime giornate, evitando rincorse che fanno sprecare molte energie dalla squadra. Intanto nei giorni scorsi sono stati diramati gli orari del primo turno di Coppa Italia, che vedrà il Pontedera scendere in campo mercoledì 5 ottobre alle ore 18 a Siena contro i bianconeri, curiosamente a quattro giorni dalla sfida in programma sabato prossimo alle 17.30 in anticipo valida per la 6ª giornata di campionato.

La testa comunque è alla sfida di domani sul campo di un Cesena chiamato a riscattarsi, dopo la deludente sconfitta di Fermo. In casa granata l'unico assente è Baroni per il resto tutti gli effettivi a disposizione, ampia scelta per Catalano, il quale valuterà con quale modulo partire contro la formazione romagnola.

Intanto la gradinata nord ha ringraziato i gruppi di tifoserie che si sono uniti al dolore della scomparsa di Savelli: «La morte di Diego è una ferita che non guarirà mai. Abbiamo perso un amico, un fratello, un compagno di mille battaglie. La solidarietà del mondo ultras ci ha commosso e soprattutto ha dato forza alla famiglia. Lui da lassù starà cantando a squarciagola per il Pontedera come ha sempre fatto. La Gradinata Nord Diego Savelli ringrazia: Settore 1908 e Curva Nord Lauro Perini Carrara, Avia Pervia Modena, Curva Nord Fabio Bettinetti Livorno, La Prato Ultras, Ultras Pistoiese, TMG Gozzano, Ultras Vis Pesaro, Bnv Tuttocuoio e gli eterni rivali Urb Ponsacco, che hanno dimostrato come di fronte alla morte non esistano colori. Grazie a tutte le persone che hanno ricordato Diego. Non dimenticheremo. Questi siamo noi, questo è essere Ultras. Esserlo nella mente».


 

Primo piano
La sentenza

Pisa, morto a 52 anni per l’amianto respirato sulle navi della Marina: la figlia risarcita dopo 24 anni

Il commento audio

Morte di Mattia Giani, il direttore del Tirreno alla partita della vergogna: «Una crudele idiozia»