Il Tirreno

Pontedera

Cuomo ha spezzato il sortilegio-rigori e il Ponsacco respira

Alessandro Marone
Cuomo ha spezzato il sortilegio-rigori e il Ponsacco respira

La casa dei dilettanti. Primo gol rossoblù «Una bella emozione, ma ora insistiamo» 

28 aprile 2021
2 MINUTI DI LETTURA





PONSACCO. Pareggio... di rigore domenica al “Comunale” nel big match dell’Eccellenza e derby a tinte rossoblù tra Ponsacco e Fratres Perignano. Nel finale botta e risposta dal dischetto con il vantaggio dei padroni di casa firmato da Domenico Cuomo e il pari del bomber ospite Lorenzo Sciapi; un punto per parte, tre i penalty concessi dal direttore di gara nella ripresa: in avvio di secondo tempo Rizzato ha ipnotizzato il bomber del Ponsacco Coralli (quasi 150 gol tra B e C).

Per Cuomo, attaccante campano classe ’99 (ex Primavera della Sampdoria, Bisceglie, Nardò e Vis Pesaro) e neo-acquisto, esordio con gol. Quattro minuti dopo l’ingresso in campo l’attaccante ha messo la firma sul match procurandosi e trasformando il rigore dell’1-0: prima rete in maglia rossoblù e primo gol in campionato del Ponsacco. «Una bella emozione, sono entrato molto carico e concentrato: volevo proprio fare gol – racconta Cuomo – Coralli mi ha lasciato calciare il rigore: ho preso il pallone ed è andata bene. Volevamo riscattarci dopo l’esordio a Cascina (sconfitta 2-0), abbiamo fatto la partita e abbiamo avuto diverse occasioni; peccato essere stati raggiunti, mancavano pochi minuti».

Tre rigori a favore nelle prime due giornate per il Ponsacco, un solo gol dagli undici metri... «Non basta la bravura, il rigore è anche fortuna, tanta. Mi è andata bene e sono contento per il gol. Il rigorista è Coralli: alla prima giornata l’ha lasciato a Fariello, domenica a me. Un giudizio su questo torneo? Uno sprint dopo tanti mesi di stop. Ci sono diverse squadre attrezzate e tutte le partite sono difficili: le affrontiamo come finali. Gli episodi e l’aspetto mentale possono incidere, così come il Covid, che può cambiare i valori. Noi ci mettiamo tutto l’impegno, l’obiettivo minimo è giocare i playoff e speriamo che il campo ci dia ragione. Sono venuto qui con grandi aspettative: l’ambiente mi piace, mi sto inserendo bene e lavoro per migliorare la condizione. Ponsacco è una piazza che ha tradizione ed è calda: peccato che non possano esserci i tifosi sugli spalti».

Domenica seconda gara consecutiva al “Comunale”: avversario il Tau Altopascio, che ha un punto, come il Ponsacco. «Dopo due partite nessuna squadra è a punteggio pieno e siamo a tre punti dalla vetta: siamo carichi, cercheremo di conquistare la prima vittoria in campionato». —

Alessandro Marone

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
di Matteo Scardigli

Corriere scomparso, ritrovato il cadavere durante il sopralluogo alla villetta ad Arcidosso. I misteri ancora da chiarire