Il Tirreno

Pontedera

Peccioli Borgo dei borghi
L’influencer

Wikipedro innamorato di Peccioli: «Matrimonio perfetto tra storia e innovazione in un borgo unico» – Video

di Tommaso Silvi

	Due momenti della visita di Wikipedro a Peccioli
Due momenti della visita di Wikipedro a Peccioli

Pietro Resta, fiorentino di 32 anni, dal 2018 racconta luoghi e opere d’arte sui social. Il paese dell’alta Valdera è l’unico della Toscana a correre per il titolo “Borgo dei Borghi” legato al programma tv della Rai: ecco come votarlo

12 febbraio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





PECCIOLI. Ha iniziato a girare tra le bellezze della Toscana nel 2018. I suoi video in poco tempo sono diventati virali sul web. Una sorta di guida turistica con la straordinaria capacità di intervallare gli aneddoti e le curiosità storiche dei vari luoghi che racconta con momenti di leggerezza e un pizzico di comicità. Oggi Pietro Resta, conosciuto sui social come Wikipedro, fiorentino 32enne con un passato da promessa del calcio, ha un seguito di circa 700mila followers tra Facebook, Instagram, Tik Tok e Youtube. E con l’inizio del 2024 il suo “archivio” di bellezze raccontato sul web si è arricchito di un posto «che – racconta – è qualcosa di completamente diverso da tutti gli altri borghi che ho visto in questi cinque anni di video tra le bellezze della regione che amo e in cui sono nato». Questo posto è Peccioli

Tra storia e innovazione

Wikipedro è arrivato a Peccioli per raccontare il borgo dell’alta Valdera – in provincia di Pisa – e ne è rimasto affascinato. «Ho parlato col sindaco, Renzo Macelloni, che mi ha colpito per la lungimiranza e per la strategia che ha adottato per far crescere il flusso turistico a Peccioli. Il suo ragionamento è semplice – continua la star dei social –, e mi trova completamente d’accordo. Anni fa Macelloni ha deciso di unire alle bellezze storiche di Peccioli, come per esempio la Pieve di Fabbrica, varie installazioni di arte contemporanea, con una serie di iniziative collaterali che nel tempo hanno portato il paese a essere un vero e proprio punto di riferimento culturale per artisti, personaggi del mondo dello spettacolo e naturalmente visitatori». Wikipedro in particolare racconta di essere stato impressionato «dalla capacità che l’amministrazione ha avuto di mettere accanto presente e passato, storia e innovazione, disegnando un borgo in cui, oggi, ci sono veramente tantissime cose da raccontare». 

Al centro

E poi c’è la collocazione geografica. «Peccioli – continua Wikipedro – è al centro di un territorio che offre una serie sterminata di cose e posti suggestivi da vedere. Da Peccioli si raggiunge velocemente Volterra, si arriva a Sangimignano. Un borgo unico e al tempo stesso vicino a tanti altri angoli magici della Toscana». 

Il concorso

Nelle parole di Wikipedro, in sostanza, ci sono le motivazioni che hanno spinto la Rai a candidare Peccioli come unico borgo toscano nell’ambito del concorso Borgo dei Borghi, che eleggerà il borgo più bello d’Italia. Il programma va in onda la domenica all’interno della trasmissione Kilimangiaro su Rai Tre, condotta da Camila Raznovich. Una sfida tra i 20 luoghi più belli e caratteristici di tutta Italia che vede Peccioli come unico rappresentate della Toscana. Il servizio su Peccioli è stato trasmesso lo scorso 7 gennaio. L'ultima puntata del concorso televisivo è prevista il 25 febbraio 2024 e da quel momento, dopo l'iscrizione a RaiPlay, ciascuna persona potrà votare Peccioli ogni giorno fino al 17 marzo. L'iscrizione avviene inserendo username, password e indirizzo email oppure accedendo con i profili social o con uno specifico form. Perché è così importante il voto del pubblico via web? Perché conterà per l'85% del totale, mentre l'altro 15% sarà riservato a una giuria di esperti. “Visita Peccioli, Vota Peccioli. Fai vincere la Toscana”. È attiva anche una community WhatsApp per tutte le news su Peccioli e la sua corsa al "titolo" di Borgo dei Borghi 2024": qui per iscriversi.

Primo piano
La decisione

Studenti manganellati a Pisa e Firenze: rimossa una dirigente del reparto mobile

Le nostre iniziative