pontedera
cronaca

Il Giardino del conte apre con sculture musica e letteratura

GHIZZANO. Oggi, in concomitanza con l’apertura in tutta Italia dei giardini delle dimore storiche, il Giardino del conte Venerosi Pesciolini di Ghizzano vara il suo progetto, in cui scultura, musica,...


22 maggio 2016


GHIZZANO. Oggi, in concomitanza con l’apertura in tutta Italia dei giardini delle dimore storiche, il Giardino del conte Venerosi Pesciolini di Ghizzano vara il suo progetto, in cui scultura, musica, teatro e letteratura si intrecciano in gesti e suoni, all’interno delle geometrie vegetali di uno dei giardini all’italiana più antichi e belli della regione. Con la complicità di un libro che ne racconta la storia e i segreti.

 La nuova avventura artistica de La Verde Armonia insegue il fascino senza tempo delle Metamorfosi di Ovidio. All’opera più nota del celebre poeta romano si ispirano le sculture di Immacolata Datti, che da oggi abiteranno il Giardino affiancate dalle installazioni sonore del compositore David Barittoni

 La giornata all’interno del Giardino Sonoro di Ghizzano parte allee 10 e alle 17 ci sarà la presentazione del libro “Il Giardino Sonoro di Ghizzano. Miti, Voci e Metamorfosi”. Dopo la presentazione, la performance teatrale dell’attrice romana Antonella Civale, che, muovendosi tra le sculture di Immacolata Datti, guiderà il pubblico in una rappresentazione itinerante dedicata alle Metamorfosi di Ovidio.

Al termine dello spettacolo, degustazione delle eccellenze enogastronomiche della Valdera, coi vini della Tenuta di Ghizzano e varie specialità del territorio. Il Giardino Venerosi Pesciolini, via della Chiesa 4, a Ghizzano di Peccioli, sarà aperto al pubblico tutte le domeniche di giugno, luglio e agosto dalle 17 alle 20, o su appuntamento (info 346 2108857 oppure 0587 630096).

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.