Il Tirreno

Pisa

Calcio: Serie B

Pisa, non si ferma la protesta dei tifosi. Ecco perché

Pisa, non si ferma la protesta dei tifosi. Ecco perché

L’annuncio del progetto per guadagnare 500 posti in Curva Nord non basta ai gruppi: «Inciteremo la squadra ma senza entrare all’Arena»

09 febbraio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





PISA. Il progetto per aumentare la capienza della Curva Nord non basta ai tifosi. Che, infatti, il giorno dopo l’annuncio del vicesindaco Raffaele Latrofa confermano la loro volontà di non entrare all’Arena durante la partite interne del Pisa. Ecco il comunicato diffuso nella mattinata di venerdì 9 febbraio. «Abbiamo preso atto, in questi giorni, del silenzio della società, a tutti i livelli. Abbiamo anche capito – recita la nota – che non c’è la volontà da parte di qualcuno di trovare soluzioni immediate, come ad esempio una deroga alla capienza, formula già accettata e più volte adottata in passata, naturalmente quando faceva comodo un po’ a tutti. A maggior ragione avrebbe senso adesso, perché nelle occasioni precedenti i lavori non erano nemmeno all’orizzonte, mentre a questo giro sono stati già annunciati e finanziati. Coerenti con quanto annunciato, continueremo a sostenere la squadra allo stadio soltanto in trasferta (così come è stato a Cosenza e come sarà a Parma); in casa la inciteremo in tutte le forme possibili ma senza entrare, almeno fino ad un effettivo aumento della disponibilità dei biglietti di Curva. Pertanto, in occasione della partita Pisa-Sampdoria, in programma sabato pomeriggio alle 16.15, invitiamo tutta la tifoseria neroazzurra a ritrovarsi alle ore 13.30 presso Ac Hotel per caricare la squadra in vista dell’importante partita e poter far vedere il nostro sostegno e la nostra passione faccia a faccia con i giocatori e lo staff. Sole, acqua o vento. Sui gradoni o nelle strade il meteo non è mai stato un problema nostro». 

Primo piano
La tragedia

Livorno, muore a 51 anni schiacciata con lo scooter fra due auto: chi è la vittima e la dinamica

di Stefano Taglione
Le nostre iniziative