Il Tirreno

Montecatini

Viabilità e disagi

Pescia, lavori oltre il ponte del Duomo. Il cantiere scatta lunedì 8 luglio

di Luca Signorini
Pescia, lavori oltre il ponte del Duomo. Il cantiere scatta lunedì 8 luglio

L’intervento all’ingresso del centro era previsto il 20 maggio

31 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Pescia Dopo il ponte all’Abate sulla regionale Lucchese fuori Collodi (che chiude completamente al traffico martedì 11 giugno), la Provincia fissa la data anche per i contestati lavori di ripristino della pavimentazione in pietra oltre il ponte del Duomo, all’incrocio tra viale Forti, via Turini e via Roma, all’ingresso del centro storico di Pescia.

L’opera prenderà il via lunedì 8 luglio, «per non impattare sul traffico veicolare in periodo scolastico». E avrà durata di un mese. Le conseguenze per la viabilità cittadina saranno enormi, ed è per questo che il cantiere - che doveva essere installato il 20 maggio - è stato rimandato a periodi si presume con minor traffico sulle strade.

L’ordinanza per le modifiche alla circolazione era già pronta e comunicata a cittadini e commercianti, poi il colpo di scena nel consiglio comunale del 16 maggio scorso, quando il sindaco Riccardo Franchi comunicò lo slittamento del cantiere a data da destinarsi, tra l’altro annunciando che avrebbe anche interessato della questione la prefettura.

Adesso la data è nota, e cade tra un mese e una settimana. «La pavimentazione in questione è di notevole pregio oltre che di importante rilevanza storica – fanno sapere dalla Provincia – gli interventi che saranno avviati con l’8 di luglio rientrano in una serie di lavori programmati e mirati a ripristinare un tratto di pavimentazione che contraddistingue la città di Pescia per la sua particolarità. Luglio rappresenta il termine ultimo per l’effettuazione dell’opera di rifacimento e l’intervento, per motivi di sicurezza, sarà realizzato in una fase unica che comporterà la completa interdizione al traffico dell’area oggetto di intervento e la parziale chiusura di via Turini e via Roma. Il tempo previsto per i lavori è di 1 mese circa».

Non solo questo nevralgico incrocio subirà ripercussioni, ma è tutta l’area del centro a subire modifiche, tra soste vietate, direzioni obbligatorie, sensi unici, divieti di transito. Un dedalo di provvedimenti che si spera possano durare davvero soltanto un mesetto. Le strade interessate dall’ordinanza, oltre all’incrocio oggetto dell’intervento, sono anche il ponte del Duomo, piazza Gramsci, via Ricasoli, Borgo della Vittoria, ruga degli Orlandi. Sulla questione anche l’ex sindaco Oreste Giurlani era intervenuto con una lettera pubblica nella quale chiedeva di rinviare i lavori, come avvenuto durante la sua amministrazione. La Provincia è però costretta a farli partire, come si apprende appunto entro luglio: altrimenti la ditta incaricata potrebbe adire le vie legali e chiedere il risarcimento dei danni, come da contratto firmato dopo l’aggiudicazione della gara d’appalto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Scuola

Maturità, le tracce della prima prova: Ungaretti, Pirandello, l’atomica e i social