Il Tirreno

La tragedia

Massa, trovato morto a 62 anni dopo lo sfratto. L'ultimo post contro il comune: «Da due mesi vivo in cantina»

Massa, trovato morto a 62 anni dopo lo sfratto. L'ultimo post contro il comune: «Da due mesi vivo in cantina»

Ciampi da due mesi era senza casa. L’ultimo post un attacco al Comune

29 novembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





MASSA. A trovarlo, è stato un residente del condominio. Non lo vedevano da tempo e incominciavano tutti a pensare che fosse successo qualcosa. E infatti qualcosa era successo. Perché Gianluca Ciampi, 61anni, era morto. Ancora non è chiaro da quanto e per cosa. Probabilmente un malore.

Stando a quanto dicono i vicini di casa, non godeva di ottima salute. Lo hanno trovato morto nella cantina dove viveva, da quando lo hanno sfrattato, nel condominio davanti a palazzo comunale. Lì, prima, ci viveva con la madre. Quando lei è morta, lui, non riuscendo a pagare l’affitto, era stato sfrattato.

Si era sistemato nella cantina di quel condominio nel cuore del centro storico di Massa, nel centro dello shopping e della vita notturna, ignaro della storia di solitudine che lui stava vivendo. Uno dei suoi ultimi post su Facebook era proprio un attacco ai servizi sociali del Comune di Massa che non lo avrebbero aiutato, a detta, come avrebbero dovuto.

Lo straziante sfogo online

«Solo chi come me è povero sa cosa vuol dire la povertà - scrive -. Senza casa né soldi e sessanta giorni che vivo in una cantina». E poi aggiungeva: Vergognatevi servizi sociali». Questo lo scriveva due giorni fa. Poi di lui, più nessuna notizia. E lì, in quella cantina fredda e umida dove da due mesi dormiva, mangiava e passava le sue giornate, se ne è andato. Sul posto sono intervenuti anche gli uomini della questura. 

Primo piano
Il caso

Pisa, neonato sparito dal Santa Chiara: il piccolo non si trova e il padre non collabora, spuntano nuovi elementi, ecco quello che sappiamo

di Andreas Quirici
Le nostre iniziative