Il Tirreno

in municipio/1 

C’è l’accordo: salari più pesanti per i dipendenti del Comune

30 dicembre 2021
2 MINUTI DI LETTURA





massa. La Cisl Fp e i componenti dello stesso sindacato nella rsu del Comune di Massa hanno sottoscritto in data 27 dicembre il contratto decentrato 2021. «Rimangono ferme le nostre ragioni che ci hanno portato a una posizione di contrapposizione con l’amministrazione comunale che – spiega Enzo Mastorci segretario generale Cisl-Fp Area Nord – con un atto di giunta ha calpestato le corrette relazioni sindacali. Però, responsabilmente, cogliamo al volo la disponibilità della stessa amministrazione a condividere nuovi criteri per l’assegnazione delle progressioni orizzontali. L’interesse delle persone che rappresentiamo ha prevalso sulle questioni che ci hanno diviso in questi mesi dalla amministrazione comunale – continua Mastorci – e il nuovo accordo ci consente di salvare complessivamente quasi 150.000 euro che per ragioni derivanti principalmente dal Covid-19 non erano stati utilizzati nel corso del 2020». Il mancato accordo avrebbe fatto perdere a lavoratrici e lavoratori quelle somme che sarebbero state acquisite dal bilancio comunale, così come recita la sentenza della corte dei conti del luglio 2019. «Quelle somme residuali del 2020 – spiegano i rappresentanti sindacali della Cisl Fp Francesca Cusumano, Claudio Nicolini, Lucia Tonazzini e Aldo Vignali – ci consentono inoltre di raddoppiare la somma da destinare alle progressioni orizzontali, elemento che avendo natura permanente ha un "valore aggiunto" per ogni lavoratore e lavoratrice. Circa 130 persone potranno avere uno scatto stipendiale premiando oltre un terzo del personale dipendente del Comune di Massa che, con impegno e abnegazione, ha portato avanti e fatto funzionare la macchina pubblica in questo lunghissimo e faticoso 2021».

Nell’accordo, assorbendo gli avanzi del 2020, è prevista una maggiore quota di produttività per ciascun dipendente che diversamente avrebbe visto liquidarsi le somme soltanto nel 2023. Queste ragione hanno fatto prevalere il senso di responsabilità della Cisl Fp che adesso auspica da parte della dirigenza un utilizzo equo degli strumenti valutativi. «Come Cisl Fp – conclude Mastorci – abbiamo messo da parte personalismi e “vecchie ruggini” e abbiamo impedito di far perdere una importante fetta di salario ai circa 350 dipendenti del Comune di Massa auspicando l’apertura di una nuova stagione di relazioni sindacali. Già nei prossimi giorni di gennaio abbiamo fissato un incontro con l’amministrazione per andare ad individuare nuovi criteri più giusti ed equi di premialità per i dipendenti».

Primo piano
La ricostruzione

Morto in moto a Grosseto, chi era il dentista Lapo Bernardi e la testimonianza: «Ho visto la manovra fatale»

di Maurizio Caldarelli