Il Tirreno

Lucca

Toscana salute
Ricerca e salute

Tumore al seno e all'ovaio, la scoperta di un'antenata toscana di 3mila anni fa può cambiare le cose

Tumore al seno e all'ovaio, la scoperta di un'antenata toscana di 3mila anni fa può cambiare le cose

Le nipoti di questa persona hanno dei geni che portano a una probabilità alta di sviluppare le malattie. Ma con questi dati è più facile fare screening e prevenzione

09 luglio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





LUCCA. Una radice storica che risale a ben 3000 anni fa e che ora, grazie alla genetica e a uno studio dell’Università di Pisa, è stata individuata e rappresenta un’arma in più per mettere a punto strategie di screening e prevenzione.

La scoperta riguarda il tumore ereditario della mammella e dell’ovaio caratterizzato da una specifica variante genetica che risale a un’antenata garfagnina o versiliese vissuta mille anni prima della nascita di Cristo.

A firmare la scoperta è stata la dottoressa Maria Adelaide Caligo, direttrice della sezione Genetica molecolare dell’Azienda ospedaliero-universitaria pisana. E i risultati sono stati pubblicati dall’International Journal of Molecular Science, poi presentati al convegno internazionale dei Breast Ovarian Cancer Consortia che si è tenuto a Riga, in Lettonia.

Il gene pericoloso che aumenta il rischio di tumore
Le varianti patogenetiche dei geni Brca1 e Brca2, studiati dalle ricercatrici pisane, sono responsabili di una percentuale che va dal 30 al 50% dei tumori ereditari della mammella e delle ovaie: le donne portatrici hanno una probabilità particolarmente elevata di sviluppare cancro al seno (tra il 45 e il 79%) e cancro alle ovaie (tra il 39 e il 48%). La ricerca è iniziata nel 2002 nell’ambulatorio di Genetica oncologica e, grazie ai test prescritti alle pazienti seguite dal Centro senologico – diretto da Manuela Roncella – in circa vent’anni sono stati raccolti dati su 5mila famiglie. Una volta individuate le portatrici delle varianti patogenetiche, sono stati testati anche i familiari: fratelli, figli e, quando possibile, i genitori. Da questa estesa e approfondita ricerca sono emerse ventisette famiglie che, tra loro non avevano alcuna apparente correlazione, ma che condividevano la stessa variante patogenetica del gene Brca1.

Risalire il corso del tempo
Utilizzando gli strumenti della genetica di popolazione, che studia l’ereditarietà genetica in gruppi di individui, è stata quindi individuata la progenitrice (o progenitore), comune alle ventisette famiglie, della mutazione che provoca tumore ovaie e mammelle: è vissuta (o vissuto) circa 3mila fa, lo spazio di 155 generazioni, e presumibilmente era nata (o nato) in Garfagnana o in Versilia.

I vantaggi della scoperta sulle cure

Come evidenzia Caligo, «l’identificazione di portatori di mutazioni di geni di predisposizione allo sviluppo di tumori è un dato utilissimo per pianificare efficaci strategie di screening e prevenzione». I centri di ricerca coinvolti nella ricerca sono stati: Fondazione Pisana per la Scienza, Dipartimento di Ricerca Traslazionale e Nuove Tecnologie in Medicina e Chirurgia dell’Università di Pisa, Istituto di Fisiologia clinica del Cnr (Consiglio Nazionale delle Ricerche) , Centro Senologico, Sezione Genetica Molecolare e Sezione Genetica Medica dell’Azienda ospedaliero-universitaria pisana.


 

Venerdì nero
La scheda

Crash informatico, cosa c’è dietro al caos che ha mandato in tilt aeroporti, banche e media di tutto il mondo: il problema, i tempi e l’esperto