Il Tirreno

Livorno

Elezioni comunali 2024
Il voto

Elezioni comunali a Livorno: Salvetti vince al primo turno: «Abbiamo fatto un’impresa»


	Il sindaco Luca Salvetti festeggia davanti al municipio
Il sindaco Luca Salvetti festeggia davanti al municipio

Quando mancano ancora alcune sezioni il primo cittadino uscente traccia la linea: «Ora consolideremo l'ottimo lavoro fatto in questi cinque anni». Guarducci: «Le lamentele dei livornesi si sono dissolte, in molti hanno preferito stare sul divano, l’astensionismo che c’è stato è un problema democratico»

10 giugno 2024
3 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO. Luca Salvetti viene confermato al primo turno sindaco di Livorno. Oltre al primo cittadino uscente si erano candidati Valentina Barale (M5S, Buongiorno Livorno, Prospettiva Livorno, Città Diversa, Rifondazione Comunista, Livorno Popolare); Lorenzo Cosimi (Partito Comunista Italiano); Alessandro Guarducci (FdI, Lega, Forza Italia, Guarducci Sindaco nella quale confluiscono anche Azione e Noi moderati); Giovanni Pezone (Per Livorno Giovanni Pezone Sindaco) e Protagonisti per la città); Costanza Vaccaro (Alternativa Popolare, Lista civica Livorno per loro). Qui sotto gli aggiornamenti.

Ore 18,20:

«Anche se la prudenza non è mai troppa, il dato mi sembra quantomeno stabilizzato intorno al 52% ed è un risultato straordinario in una città dove ci sono tre raggruppamenti che vanno sopra il 20%. Abbiamo fatto un'impresa. Ora abbiamo la chance di consolidare l’ottimo lavoro fatto in questi cinque anni. Sono felice e ringrazio i livornesi. Il centrosinistra deve stare insieme agli altri», a dirlo il sindaco Luca Salvetti.

Ore 18,05:

Le prime parole del candidato a sindaco del centrodestra, Alessandro Guarducci, dopo metà sezioni scrutinate che lo vedrebbero sconfitto al primo turno: «Si sta consumando un risultato a mio avviso sorprendente, perché Salvetti potrebbe imporsi già al primo turno. Si deve accettare il voto dei livornesi, anche se personalmente non pensavo fosse possibile. Se la realtà di Livorno è questa chi è voluto andare a votare convintamente ha voluto sostenere Salvetti, chi brontolava o si lamentava ed è stato in casa è il più grande sconfitto. In ogni casi appena il 55% è un problema di democrazia per Livorno, perché fra le città toscane siamo state quella con l’affluenza più bassa. Il Pd è stato bravo a portare tutti gli elettori alle urne, noi contendenti no. Le arrabbiature delle persone che ho incontrato in questi mesi nei quartieri a quanto pare si sono dissolti una volta arrivate al voto. Lamentarsi è facile stando il sabato e la domenica sul divano: io ci ho messo la faccia, ne sono felice, anche se pensavo in una performance migliore».

Ore 18

Salvetti continua la cavalcata sopra il 50%, mantenendo la possibilità di vincere al primo turno: dopo 91 sezioni scrutinate ha il 51,15% dei consensi, davanti a Guarducci (centrodestra, 22,13%) e Barale (18,75%).

Ore 17.30

Dopo lo scrutinio di 68 sezioni Luca Salvetti al 51,77%. A seguire il candidato del centrodestra, Alessandro Guarducci, con il 22,02%. Poi Valentina Barale (18,23%) e Costanza Vaccaro (4,93%).

Ore 17

Dopo lo scrutinio di 46 sezioni Luca Salvetti allunga al 52,31%. A seguire il candidato del centrodestra, Alessandro Guarducci, con 21,51%. Poi Valentina Barale (19,8%) e Costanza Vaccaro (4,76%).

Ore 16.30

Dopo lo scrutinio di 31 sezioni il sindaco uscente Luca Salvetti è ancora sopra il 50% delle preferenze (51,28) seguita dal candidato del centrodestra Alessandro Guarducci con il 22,18%, terza Valentina Barale con il 19,14%.

Ore 16

Dopo lo scrutinioo di dodici sezioni Salvetti è al 50,53% delle preferenze, seguito da  Guarducci 21,71 e Barale al 20,46%.  Staccati gli altri con Vaccaro al 4,63%.

Ore 15.30

Luca Salvetti al 48%, dietro è battaglia tra Valentina Barale e Alessandro Guarducci che viaggiano intorno al 22% per lo sfidante all’eventuale ballottaggio. Sono queste le indicazioni che arrivano dalle prime sezioni scrutinate.

Primo piano
Lo schianto

Morto a 32 anni in Autostrada a Carrara: chi era Samuel e le prime ipotesi sulla tragedia