Il Tirreno

Livorno

Sos sicurezza

Livorno, ladri scatenati nelle case: le zone più colpite. Rapina ad Anghini: l’ex pilota sempre in ospedale

di Claudia Guarino

	A destra l'ex pilota Anghini
A destra l'ex pilota Anghini

Presi di mira appartamenti e villette. Rubati anche i ponteggi. Intanto Aghini picchiato e rapinato da 4 banditi resta ricoverato a Cisanello: ricostruita l’azione dei banditi nella sua villa

29 gennaio 2024
4 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO. Che siano appartamenti in condomini, villette a schiera o case indipendenti poco importa. E neanche i piani alti o la presenza dei proprietari scoraggia i ladri, che sono arrivati persino a massacrare il pilota di rally Andrea Aghini per portargli via gioielli e orologi. Dal 16 al 26 gennaio tra Livorno e Collesalvetti sono stati messi a segno almeno sei colpi. Più il furto di alcune impalcature. Più una rapina qualche metro oltre il confine con Fauglia. Se si tratta delle stesse persone non è possibile dirlo, certo è che in quest’ultimo periodo c’è stato, di media, più di un furto in appartamento ogni due giorni. L’ultimo in ordine di tempo venerdì scorso in via Romita, zona Stagno. Ma partiamo dal principio.

Da Vicarello all’Ardenza

È martedì 16 gennaio quando qualcuno forza la porta di un appartamento in via Galilei, a Vicarello. Dopodiché, una volta dentro, rovista nella camera da letto per poi fuggire con gioielli e contanti. I padroni di caso, fatta l’amara scoperta, non hanno potuto far altro che chiamare i carabinieri. Un copione, questo, che si è ripetuto pochi giorni dopo, questa volta all’Ardenza, con la polizia intervenuta dopo la segnalazione di una livornese che, rientrando a casa, ha sorpreso i ladri – a quel punto fuggiti – in camera da letto. In quel caso, dato che probabilmente erano entrati diversi minuti prima, hanno fatto in tempo a portare via un prezioso orologio da 500 euro.

Corso Mazzini

Il giorno successivo ecco un altro colpo in corso Mazzini. Qui una donna si è trovata faccia a faccia con i ladri dopo essersi svegliata di soprassalto a causa del rumore di vetri rotti. All’arrivo dei carabinieri i ladri erano già scappati (a mani vuote) probabilmente calandosi dalla casa, che si trova a un piano alto, da una grondaia o qualcosa di simile. Non passano neanche 24 ore che il titolare di una ditta scopre il furto di alcune impalcature che erano state montate intorno a un palazzo di via Sandro Botticelli, alla Leccia.

Via Roma e Stagno

Veniamo quindi a giovedì scorso, quando i ladri hanno forzato le porte di due appartamenti in via Roma prima di essere scoperti da uno dei proprietari che se li è trovati di fronte. Hanno però fatto in tempo a rubare dei gioielli. Poi è arrivata la polizia. Che è intervenuta anche venerdì in via Romita, a Stagno. In questo caso i ladri si sono introdotti in una villetta per poi aprire la cassaforte e portare via gioielli per migliaia di euro. In questi giorni, insomma, più che i negozi sono presi di mira gli appartamenti. Con i ladri che entrano forzando una porta o rompendo una finestra per poi mettere a soqquadro le camere da letto andando in cerca di gioielli, orologi, contanti o di oggetti preziosi. Raramente vengono rubati oggetti di elettronica o altro. I malviventi, infatti, si concentrano soprattutto sull’oro e sul denaro, arraffando il più possibile per poi fuggire calandosi dalle finestre o uscendo dalle porte forzate in precedenza.

La rapina

Una escalation di colpi, questa, culminata con la rapina di venerdì sera avvenuta a Fauglia, qualche metro oltre il confine del Comune di Collesalvetti. Quattro persone col passamontagna hanno immobilizzato e malmenato il sessantenne livornese pilota di rally Andrea Aghini dopo averlo circondato nel giardino di casa sua. Poi l’hanno portato di peso in casa e hanno preso quello che c’era nella cassaforte prima di fuggire. L’ex campione se l’è cavata con il setto nasale rotto e con fratture alla mandibola e alle costole. È stato ricoverato a Cisanello ed è lì che si trova ancora, in attesa di effettuare alcuni esami – come ci racconta lui stesso – e di capire quando sarà dimesso. A indagare sulla rapina sono i carabinieri di Fauglia che, dopo essere intervenuti per un sopralluogo a casa di Aghini, si sono messi alla ricerca dei quattro rapinatori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
La presidente del Consiglio

Manganellati a Pisa e Firenze, Meloni: «È pericoloso togliere il sostegno alle forze dell’ordine»

Le nostre iniziative