Il Tirreno

Firenze

L’allenatore

Italiano: «Vogliamo sognare ancora. Il Franchi e la Fiesole ci spingano»

di Brunella Ciullini
Italiano: «Vogliamo sognare ancora. Il Franchi e la Fiesole ci spingano»

Col Torino, la Viola va all’assalto del quarto posto dal sapore di Champions

29 dicembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





FIRENZE. «Abbiamo una bella classifica e le cose ci stanno girando bene, non dobbiamo quindi mollare». Il ruggito di Vincenzo Italiano aspettando il Torino per l’ultima gara del 2023. Un anno che il tecnico viola, a ragione, definisce «spettacolare e strepitoso». Di qui la voglia di chiuderlo nel migliore dei modi: «Faremo di tutto per ottenere un risultato positivo, per la classifica e per dare continuità quanto stiamo facendo, fra record e tanti obiettivi raggiunti» – evidenzia confidando come e più di sempre nell’apporto dei tifosi: la prevendita è andata in modo spedito, i segnali propendono per uno stadio gremito (considerando anche lo storico gemellaggio con i sostenitori del Toro) in attesa che partano i primi lavori di ristrutturazione.

«Spero che al Franchi ci sia la consueta cornice di pubblico e insieme alla curva Fiesole ci dia una mano come è sempre accaduto finora. Da parte di tutti c’è una grandissima voglia di ottenere un grande risultato e questa voglia si sente in modo particolare quando giochiamo a Firenze. Ecco – ribadisce Italiano – tutti assieme dobbiamo puntare a fare nostra anche questa ennesima battaglia. Abbiamo una bella classifica e vogliamo a tutti i costi continuare ad alimentarla, vogliamo continuare a sognare. L’obiettivo è questo, bisogna procedere partita dopo partita concentrandoci via via su quella che ci attende, puntando a spingere sempre forte e a rimanere in queste posizioni». Il vecchio adagio “l’appetito vien mangiando” calza dunque a pennello per la Fiorentina e il suo allenatore: 10 punti conquistati nelle ultime quattro partite di campionato e un quinto posto che profuma di Champions visto che il Bologna, quarto, dista appena un punto e il Milan, terzo, è sopra di tre. Uno scenario che insieme alla qualificazione già centrata agli ottavi di Conference e ai quarti di Coppa Italia, aspettando di affrontare la final four di Supercoppa di Lega a Riad, alimenta le ambizioni di Italiano, dei suoi giocatori e di tutta la tifoseria.

Intanto questo pomeriggio dovrà essere superato un altro ostacolo affatto semplice, un altro esame impegnativo. «Come tutte le gare di Serie A anche questa s’annuncia tosta – avverte il tecnico viola –. La squadra granata sta facendo un ottimo campionato, ha un grande allenatore e una rosa di alto livello in ogni reparto. Sarà insomma un’altra battaglia. Noi abbiamo fatto di tutto per prepararci nel migliore dei modi, grazie alla vittoria ottenuta a Monza abbiamo trascorso un Natale sereno con le nostre famiglie, poi abbiamo ricaricato le pile per essere pronti per affrontare questa sfida. In questi giorni abbiamo lavorato bene recuperando anche alcuni giocatori che erano assenti nelle ultime gare – rimarca riferendosi a Bonaventura e Martinez Quarta – o che, per problemi fisici, non erano stati ultimamente al 100% della condizione». A Italiano insomma non manca la fiducia in attesa della riprova del campo, anche se contro il Torino i precedenti non sono particolarmente brillanti: vero che la scorsa stagione la sua Fiorentina ha eliminato i granata in Coppa Italia volando in semifinale ma è altrettanto vero che negli ultimi tre confronti di campionato ha raccolto appena un punto. Altro motivo per sfatare il tabù e provare a chiudere in bellezza il 2023, con un altro record in più da aggiungere ad un anno che comunque resterà alla storia.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Ambiente

«No alla nuova funivia»: rivolta contro l’ecomostro sull’Appennino tosco-emiliano. I motivi della protesta

di Cristiano Marcacci
Sport