Il Tirreno

Sos sicurezza

Mazzanta, furti e danni alle auto: «Questa delinquenza ci fa paura»

di Gabriele Buffoni
Mazzanta, furti e danni alle auto: «Questa delinquenza ci fa paura»

Parla una villeggiante: «A lungo si è chiuso un occhio, ma ora si supera il limite»

10 luglio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





ROSIGNANO. All’inizio erano solo gli schiamazzi a dare fastidio. Poco male: in una località turistica, per giunta vicino alla pineta e a locali frequentati da molti giovani, si può arrivare a chiudere un occhio e a sopportare qualche intemperanza giovanile, per quanto disturbi il quieto vivere di chi cerca invece soltanto un po’ di tranquillità a due passi dal mare. Quando però si è passati ai furtarelli, alle violazioni della proprietà privata e infine ai danneggiamenti alle auto parcheggiate la pazienza dei villeggianti e dei residenti della zona di via Sardegna, alla Mazzanta, ha iniziato a venire meno. Fino agli ultimi episodi di sabato scorso, quando sono stati chiamati sul posto addirittura i carabinieri di Rosignano.

«La Mazzanta ormai è nel degrado – commenta Paola Faggi di Firenze – i miei genitori hanno casa in via Sardegna e da una vita frequento la frazione, fin da quando avevo 15 anni. Ultimamente anche questi episodi stanno superando il limite: in passato capitava che, nelle notti tra il venerdì e il sabato dopo le serate nei locali che ci sono nelle vicinanze, gruppi interi di ragazzi si aggirassero per l’abitato con uscite anche sguaiate. Ma nessuno si è mai lamentato eccessivamente di questo. Poi hanno iniziato a rubare le biciclette, sempre più spesso, al punto che le persone hanno iniziato a chiuderle con il lucchetto anche nel giardino di casa. Tutto inutile – ribadisce la donna – sono arrivati anche a spezzare i lucchetti e a rubarle entando nei giardini delle abitazioni. Ma alla fine le abbiamo sempre ritenute “ragazzate”, considerando che poi a fine stagione spesso c’era chi ritrovava la bici alla stazione o vicino a qualche campeggio. Il problema – sottolinea – è che sempre più di frequente si verificano danni sia ai bidoni della spazzatura sia alle auto parcheggiate lungo la strada o nelle aree adibite a parcheggio».

Un limite che nell’ultimo week-end è stato superato più volte. «Sono state forzate varie auto nel parcheggio vicino al residence Stella del Mare – racconta Faggi – e a una in particolare hanno fatto uno squarcio nella capote, mentre un mio vicino di casa si lamentava perché qualcuno gli aveva danneggiato la moto tagliando i fili di trasmissione. Non solo: un gruppo è entrato nel giardino dell’abitazione dei miei genitori aprendo un frigo esterno e rubando dei gelati, e poco più lontano, sempre in via Sardegna, sono entrati in un altro appartamento. Avere paura adesso che entrino nelle auto o nelle abitazioni è veramente troppo: questa delinquenza – conclude – fa paura ai turisti e anche a chi, come me e tanti altri, ha casa nella frazione».

Su questi ultimi episodi sono in corso le indagini dei carabinieri, chiamati dai cittadini dopo la scoperta dei danni sabato mattina. Ma i problemi della frazione non finiscono qui. E riguardano anche il decoro e i servizi. «La pulizia della strada è ormai inesistente, i marciapiedi sono sollevati dalle radici e hanno pure l’erba alta – racconta Faggi – in più c’è una parte di spiaggia dove hanno ammucchiato tutte le alghe secche in due cumuli che emettono un pessimo odore. E anche il punto di distribuzione dei farmaci quest’anno è rimasto chiuso. Io, come tanti, adesso siamo al limite – conclude la villeggiante – questa zona ha bisogno di essere risistemata». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Il dramma sfiorato

Viareggio, bimbo di due anni rischia di annegare in piscina: salvato dall’intervento della bagnina

di Roy Lepore