Il Tirreno

Il caso

Rosignano, individuati e denunciati 4 ragazzi per i vandalismi all’Iti Mattei


	La parete di cartongesso sfondata dai vandali all'Iti Mattei di Rosignano (foto Michele Falorni/Silvi)
La parete di cartongesso sfondata dai vandali all'Iti Mattei di Rosignano (foto Michele Falorni/Silvi)

Le indagini dei carabinieri proseguono per individuare gli altri membri del gruppo che nella notte tra il 4 e il 5 febbraio allagò la scuola

27 febbraio 2024
1 MINUTI DI LETTURA





ROSIGNANO. Quattro giovani residenti a Rosignano (due minorenni di 15 e 17 anni e due maggiorenni di 22 e 24 anni) sono stati individuati e denunciati dai carabinieri della compagnia di Cecina perché ritenuti tra i responsabili dei danneggiamenti e dell’allagamento del plesso Iti-Liceo dell’Isis Mattei di Rosignano Solvay.

I quattro dovranno rispondere rispettivamente davanti alla Procura per i minori di Firenze e alla Procura di Livorno del reato di danneggiamento e interruzione di pubblico servizio in concorso. A uno di loro (il 24enne, che avrebbe partecipato anche al precedente episodio di danneggiamento alla scuola, avvenuto il 2 febbraio e di minore entità) è stato anche contestato il reato di rivelazione di segreti inerenti a un procedimento penale dato che, per cercare di depistare le indagini dei carabinieri, avrebbe rivelato ad alcuni testimoni quanto da lui stesso dichiarato per cercare di influenzare la loro versione dei fatti e di fatto concordare un copione da rivelare agli inquirenti. 

La scuola è rimasta chiusa alcuni giorni dopo l’episodio vandalico per ristabilire l’agibilità dei locali e accogliere nuovamente gli studenti nelle classi: oltre all’allagamento complessivo dell’edificio infatti era stata scardinata la porta antipanico sul retro della struttura e sfondata una parete di cartongesso che divideva due classi. In tutto sono stati calcolati danni superiori ai 15mila euro. 

Primo piano
Maltempo

Meteo in Toscana, neve record fino in collina e 25 aprile col cappotto: le previsioni. Valanghe: scatta l’allerta

di Tommaso Silvi