Il Tirreno

infrastrutture e territorio  

Stazione ferroviaria di Cecina, ok al progetto di riqualificazione. «Un anno di lavori»

Claudia Guarino
Stazione ferroviaria di Cecina, ok al progetto di riqualificazione. «Un anno di lavori»

La Regione favorevole al piano di Rfi (gruppo Fs) per l’edificio. «L’obiettivo è iniziare gli interventi entro la fine deL 2021»

31 agosto 2021
3 MINUTI DI LETTURA





CECINA. Una riqualificazione complessiva di tutto l’edificio. E poi, con ogni probabilità e in prospettiva, anche della piazza. Il progetto per dar nuova luce alla stazione di Cecina ha ricevuto il via libera della Regione Toscana, che ne ha valutata positivamente la conformità con le varie prescrizioni. «Il progetto per la riqualificazione del fabbricato viaggiatori è stato presentato al Comune di Cecina – confermano da Rete ferroviaria italiana – . E l’obiettivo è quello di iniziare i lavori entro la fine del 2021 per poi concluderli nel corso dell’anno successivo».
Gli interventi dovrebbero contribuire a limitare il degrado in un’area che ne è soggetta da anni. Un contributo al decoro è già stato dato dall’associazione Dopolavoro ferroviario di Cecina, che ha creato un parcheggio dove prima c’erano erbaccia e rifiuti abbandonati. E la messa in pratica di una riqualificazione complessiva dell’immobile potrà aggiungere ulteriore decoro. Ecco che cosa è previsto, a grandi linee, nel programma volto alla sistemazione di parte dello scalo cecinese.

L’immobile
La Regione Toscana ha dato il via libera a quello che si chiama “progetto definitivo per la rifunzionalizzazione del fabbricato viaggiatori e riqualificazione delle aree esterne della stazione ferroviaria di Cecina”. Quindi in teoria dovrebbero essere previsti interventi anche sulla piazza. Ma per adesso Rete ferroviaria italiana parla di lavori sul «fabbricato viaggiatori». «Sono previsti interventi che porteranno a una riqualificazione a 360 gradi dell’edificio – fanno sapere da Rfi –. Ci saranno lavori sugli infissi e sulle facciate. Saranno sistemati i bagni e la biglietteria». Normalmente Rete ferroviaria italiana, nel riqualificare le stazioni ferroviarie, cerca di mantenere lo stesso standard ovunque, uniformando gli interventi in modo tale da renderli simili per tutti gli scali. Fanno eccezione i luoghi dove ci sono vincoli storici o paesaggistici, per esempio la stazione di Firenze Santa Maria Novella.

Il cronoprogramma
A Cecina, comunque, l’obiettivo di Rete ferroviaria italiana è quello di iniziare i lavori entro la fine del 2021 per poi concluderli nel corso del 2022. Insomma, dovrebbero durare circa un anno. Mese più mese meno.
Soddisfazione è espressa dal vicesindaco di Cecina Antonio Giuseppe Costantino. «È un progetto importante – commenta Costantino – . Hanno scelto di riqualificare una delle stazioni ferroviarie tra le più importanti a livello territoriale. Certamente è un bel segnale e un elemento positivo sia dal punto di vista logistico che per quanto riguarda il turismo».

Degrado storico
Anche perché, anche a Cecina, l’area della stazione è storicamente preda del degrado. Spesso, per esempio, si notano biciclette smontate e abbandonate. E più di una volta sono stati trovati sacchi di rifiuti lasciati qua e là, oltre che siringhe usate. E questo avviene specialmente nelle vicinanze del binario uno. Un contributo nel migliorare la situazione l’ha dato, come detto, l’associazione Dopolavoro ferroviario, che ha realizzato un parcheggio con ingresso su viale Fratelli Rosselli.

Il parcheggio
I lavori per la realizzazione del posteggio sono iniziati a inizio 2020 e l’area è già completata da qualche tempo, con tanto di telecamere di sorveglianza. Non è un posteggio libero e completamente gratuito, ma è riservato ai soci del Dopolavoro ferroviario, a cui ci si può associare pagando 15 euro di tessera l’anno. «Siamo molto contenti di aver portato a termine questo progetto – dice Pietro Candela, presidente dell’associazione –. Ne approfitto per fare una comunicazione. È vero che il parcheggio che è stato realizzato accanto al binario uno della stazione è riservato ai nostri soci, ma tutti possono diventarlo. E chi ha bisogno di informazioni in tal senso può contattarci scrivendo una mail all’indirizzo di posta elettronica dlfcecina@dlf.it oppure chiamando il numero di telefono 3288693217».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Le ultime
La macabra scoperta

Orrore tra gli scogli, una neonata trovata morta dentro uno zaino

Cinema in Toscana