Il Tirreno

Tavoli, sedie e ombrelloni negli spazi aperti: ecco a Cecina da quando si pagherà

Anna Cecchini
Tavoli, sedie e ombrelloni negli spazi aperti: ecco a Cecina da quando si pagherà

Il Comune fa slittare la tassa anche per pizzerie e yogurterie. I gestori devono rinnovare la richiesta inviando una mail 

27 aprile 2021
2 MINUTI DI LETTURA





CECINA. L’obbiettivo è quello di non gravare ulteriormente su titolari e gestori di quegli esercizi commerciali che le restrizioni dovute alla pandemia hanno già messo pesantemente alla prova. Ecco che l’amministrazione cecinese ha deciso di prevedere l’esenzione del pagamento dell’ex Cosap per nove mesi, vale a dire fino a ottobre prossimo. Una esenzione che non riguarda soltanto ristoranti e bar, per i quali lo slittamento della Cosap è stato previsto dal Governo fino al 30 giugno, ma anche altre tipologie di esercizi come pizzerie a taglio, yogurterie, gelaterie e agenzie di viaggi.

L’assessore al bilancio Emanuela Piancatelli, spiega le decisioni prese dal Comune con l’intento di non andare a pesare sulle attività commerciali, soprattutto sugli esercizi di somministrazione che fino a ieri sono stati particolarmente penalizzati. «Abbiamo stabilito – spiega l’assessore – il mantenimento fino al 6 gennaio del 2022 dell’ampliamento dell’occupazione permanente di suolo pubblico senza oneri aggiuntivi. Oltre a questo, con lo stesso atto approvato a fine gennaio dal consiglio comunale, è stata stabilita la riduzione del 95% del canone fino a gennaio prossimo anche per le occupazioni temporanee del suolo pubblico per pubblici esercizi di somministrazione e fronte negozi».

L’assessore ricorda anche la scelta del Comune di equiparare a bar e ristoranti altre tipologie di esercizi «che il Governo non ha incluso tra quelle per cui ha previsto lo slittamento del pagamento del canone. Si tratta di gelaterie, yogurterie, pizzerie a taglio, agenzie di viaggio: anche per loro il Comune ha inizialmente previsto lo slittamento del canone fino al 31 marzo». Uno slittamento che in realtà andrà fino al 30 settembre, dato che «per tutti gli esercizi abbiamo stabilito l’esenzione dalla Cosap per ulteriori tre mesi dal 30 giugno (quindi fino al 30 settembre) con slittamento del pagamento della canone unico a ottobre prossimo».

È chiaro che titolari di ristoranti, bar e altri esercizi dovranno presentare domanda di occupazione temporanea di suolo pubblico o ampliamento temporaneo di una occupazione esistente (protocollo@cert.comune.cecina.li.it).—

Anna Cecchini

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Incidenti stradali

Prato, perde il controllo della moto e si schianta contro un albero: morto a 49 anni