Il Tirreno

Versilia

la societÀ 

Agostini: «Abbiamo appoggiato la scelta tecnica dell’allenatore»

G.B.

31 dicembre 2021
2 MINUTI DI LETTURA





FORTE. Una decisione sofferta «ma necessaria in quanto gli attuali regolamenti non consentono alternative».

Recita così il comunicato con cui l’Hockey Forte ha rinunciato a Marti Casas per sostituirlo in pista con l'allenatore-giocatore Marc Gual. Eppure, in un coro unanime, da tutti i tifosi rossoblù subito è sorta una domanda: perché?

«Mister Gual ha presentato al comitato esecutivo la richiesta di poter dare in prima persona un maggior contributo in pista alla squadra – spiega Antonio Agostini, direttore generale della società rossoblù – di conseguenza, dopo il recente esonero di Alberto Orlandi e dopo aver dato fiducia a Gual come nuovo allenatore, abbiamo ritenuto opportuno ribadirgli il nostro sostegno avallandone le scelte tecniche: potendo avere solo tre stranieri in rosa, quindi, per lui si è resa necessaria una scelta dolorosa che è ricaduta su Casas. Non è stato affatto semplice, non è certo una bocciatura dell'operato del giocatore sono stato io a comunicarglielo mercoledì e, anche a livello personale, è stata molto dura: nutriamo tutti il massimo rispetto e stima per la persona e per l'atleta, la speranza è che in un futuro non troppo lontano il suo cammino e quello del Forte possano tornare ad incontrarsi».

Resta però un fatto: in via Ferrucci si è fatto spazio a un giocatore di 41 anni (per quanto rinomato come Marc Gual, ex pilastro di un team blasonato come il Barcellona) escludendone dalla squadra uno di 26. Una scelta per cui molti – specie chi vedeva in Casas uno degli uomini simbolo di questo nuovo ciclo del Forte dei Marmi – hanno storto il naso, criticando la scarsa lungimiranza della società. «Accettiamo le critiche, ma le rispediamo al mittente. Il comitato esecutivo ha un'idea di progettualità a lungo termine – ribadisce Agostini – e già tanto è stato fatto: al di là dell'aspetto sportivo, con una Supercoppa già vinta in questa stagione, una delle priorità era il riassetto dei conti societari. L'avvento del Progetto Felicità e di Attilio Bindi ha dato grande serenità sotto l'aspetto economico alla società – spiega il direttore generale – e stiamo gettando le basi per il futuro dell'Hockey Forte: l'anno scorso non abbiamo avuto il tempo di muoverci come volevamo, dato che il Progetto è stato lanciato in estate, ma abbiamo grandi prospettive. Marc Gual in quest’ottica è una figura estremamente valida, non solo per gli obiettivi da centrare nell'immediato. Bisogna infine considerare che è al vaglio la proposta per portare a cinque il numero di stranieri per squadra, quindi con Marti potrebbe trattarsi solo di un arrivederci».



Primo piano
La stagione in arrivo

Toscana, l'estate del turismo parte col vento in poppa ma pesano i capricci del meteo

di Barbara Antoni