Il Tirreno

Versilia

Lungomare

Viareggio, bagni aperti a Pasqua: scattano i controlli dei vigili urbani

di Donatella Francesconi
Viareggio, bagni aperti a Pasqua: scattano i controlli dei vigili urbani

A Forte dei Marmi gli stabilimenti balneari aperti per il ponte pasquale sono stati una cinquantina

02 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





VIAREGGIO. Controlli della polizia municipale negli stabilimento balneari, durante il ponte di Pasqua, per verificare la regolarità dei requisiti dei pochi bagni rimasti aperti a Viareggio con le attività di bar e ristorante. Una volta verificato chi è rimasto aperto, la polizia municipale comunica al Suap i dati per il controllo delle tipologia di licenza per il periodo fuori dalla stagione che ufficialmente inizia il 15 aprile. Una attività, quella messa in campo dal Comando guidato da Iva Pagni, che fa seguito agli analoghi controlli che hanno caratterizzato il periodo dello scorso Carnevale. In quel caso erano state elevate alcune sanzioni, cosa che in questi giorni non sarebbe accaduta. Anche perché la maggior parte degli stabilimenti balneari di Viareggio ha preferito rimanere chiusa anche con la sola attività definita “per cure elioterapiche”, senza attrezzare già la spiaggia con sdraio e ombrelloni. Tanto che la spiaggia della Passeggiata si presentava per grandissima parte libera di ogni arredo.

Alla fine di un lungo braccio di ferro tra Comune e balneari, la conclusione è stata che per gli stabilimenti senza licenza annuale era necessario avviare delle pratiche che – con meno di due giorni a disposizione prima della Pasqua – i titolari degli stabilimenti non hanno fatto, anche considerando il maltempo annunciato.

Per chi avesse deciso di aprire comunque, senza aver completato l’iter burocratico richiesto dal Comune, erano previste sanzioni pesanti: da un minimo di 2.500 euro a un massimo di 15.000. Le sanzioni elevante per le apertura a carnevale sono state di 5mila euro.

I rappresentanti della categoria al Comune lo avevano detto chiaramente: senza regole certe e per tempo, i bagni di Viareggio per Pasqua sarebbe rimasti chiusi per la gran parte. E così è stato.

A Forte dei Marmi, invece, gli stabilimenti balneari aperti per il ponte pasquale sono stati una cinquantina (circa la metà di quelli presenti nel comune della Versilia Nord), mentre a Marina di Pietrasanta ha accolto la clientela il 40% circa dei 107 stabilimenti presenti. A Lido di Camaiore, infine, venti bagni sono rimasti aperti sui quasi 100 esistenti. 


 

Primo piano
La protesta

Carrara, in migliaia allo sciopero dopo le frasi choc dell’imprenditore Franchi. La sorella di una vittima sul lavoro: «Sono qui per difendere chi non può più farlo»

di Luca Barbieri