Il Tirreno

Versilia

Calcio toscano dilettanti

Troppi assenti, Cecina ko

di Michele Falorni

	Carlotti steso in area, per l’arbitro non è rigore (foto Falorni)
Carlotti steso in area, per l’arbitro non è rigore (foto Falorni)

Eccellenza: la squadra di Miano cade in casa col Montespertoli. Proteste dei rossoblù per un rigore negato sullo 0-0 a Carlotti

29 gennaio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





CECINA. Un gol per tempo consegna al Montespertoli tre punti e al Cecina la seconda sconfitta di fila. Ieri, al “Loris Rossetti”, i rossoblù hanno perso 0-2: al netto di tutte le considerazioni, mancavano otto titolari e il fallo su Matteo Carlotti era rigore netto.
Il momento è critico, però i padroni di casa, a sprazzi, hanno costruito azioni ficcanti. Ma non sono riusciti a finalizzarle, ritrovandosi poi sotto al 19’ in mischia e nella ripresa, in pieno recupero, per via di un guizzo tra rimpalli, maglie incollate e tensione alle stelle. Sabato pomeriggio, 3 febbraio, anticipo sul terreno della Cuoiopelli e mercoledì 7 finale regionale di Coppa Italia a Firenze: non c’è un minuto da perdere, perché gli impegni si moltiplicano e i giocatori sono contati per colpa delle squalifiche lunghe e degli infortuni. Fa caldo.
Il Cecina prende coraggio e spinge subito al massimo, sperando di orientare la gara e spiazzare i clienti di turno, ai quali non mancano le ambizioni. A sinistra, Marco Giannini avanza spesso e cerca le punte. I fiorentini, loro, presidiano il terreno in erba sintetica evitando distrazioni.
Il primo brivido arriva al minuto 7, quando Federico Startari salva a un passo dalla linea di porta dopo che la sfera aveva oltrepassato anche Alex Barbanera, uscito a tamponare Giacomo Cioni. Dieci minuti dopo, sul ribaltamento di fronte, Carlotti artiglia il cuoio e parte dalla trequarti inseguito da Andrea Corradi, che lo stende all’altezza del dischetto. L’arbitro e il segnalinee, tra le proteste dei tesserati e il boato della tribuna coperta, dicono di proseguire. E siccome il calcio è imprevedibile, al 19’, nel momento in cui i padroni di casa gestiscono il possesso sull’asse centrale, il Montespertoli trova il vantaggio con Gabriele Marcacci che infila da due passi un cross deviato da sinistra.
I rossoblù reagiscono e al 24’ Edoardo Giannini costringe Federico Biotti alla parata. Segue la sassata al 37’ di Matteo Pallecchi che si spegne a lato di poco. Ripresa. Costruire almeno il pareggio non è semplice perché i clienti di turno moltiplicano i falli e approfittano degli spazi che si aprono non appena i padroni di casa azzardano il contropiede. Loris Skerma, la punta centrale, riceve e smista, ma al tiro è difficile arrivare per come gli ospiti chiudono la difesa. L’ingresso di Mounir El Falahi, insieme a Diego Ferretti e a Diego Perillo, regala dinamismo, ma non basta. La sequenza dei cartellini gialli conferma che, decisioni discutibili della terna a parte, la gara si è incattivita. Come spesso succede, nei cinque minuti di recupero i fiorentini trovano il raddoppio: a firmare la rete del definitivo 0-2 è Leonardo Lotti, che entra in area e con un preciso rasoterra supera Barbanera. L’incontro finisce così, con i rossoblù che rientrano senza parole negli spogliatoi. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
L’inchiesta

Crollo all’Esselunga di Firenze, gli investigatori si concentrano sul “dente” della trave: cos’è e perché potrebbe aver ceduto – Video

di Matteo Leoni
Le nostre iniziative