Il Tirreno

Versilia

Il lutto

Torre del Lago, addio alla storica cuoca del ristorante Da Cecco

di Roy Lepore
Torre del Lago, addio alla storica cuoca del ristorante Da Cecco

Si è spenta la signora Franca Simonini: aveva 85 anni. Il ricordo del figlio: «Amava il suo lavoro»

31 agosto 2023
2 MINUTI DI LETTURA





VIAREGGIO. Si è spenta ieri mattina nella sua casa di Torre del Lago Franca Simonini, cuoca storica del ristorante Da Cecco sul Belvedere. Aveva 85 anni e da qualche mese era afflitta da una grave malattia. Fino a poco prima che il male si manifestasse aveva continuato ad andare nel ristorante, come ricorda il figlio Francesco che insieme al fratello Riccardo gestisce il locale dopo che il papà Giuseppe Manfredi era deceduto.

«La mamma aveva iniziato a lavorare a 15 anni – ricorda Francesco – e da allora in pratica non aveva più tolto il piede dal ristorante, perché questo era il suo mondo. Amava il suo lavoro ed ha aiutato tutti noi, insieme a nostro padre a farci crescere e apprendere tutte le cose importanti che servono in questo lavoro».

La specialità del ristorante Da Cecco sul Belvedere è la cacciagione e la signora Franca preparava in particolare dei sughi davvero speciali, che erano molto apprezzati dalla clientela. Un'altra delle sue specialità erano i dolci al cucchiaio, che non avevano niente da invidiare a quelli preparati da colleghi stellati. Chi le è stato accanto ha potuto quindi attingere da lei lezioni importanti che hanno permesso di mantenere in cucina un alto livello di qualità anche quando lei ha dovuto smettere.

Al ristorante sul Belvedere, che si trova a poca distanza dalla villa di Giacomo Puccini e dal Gran teatro, sono passati fra gli altri i più grandi artisti della lirica. Franca Simonini lascia i figli Francesco e Riccardo, tanti parenti e amici.

Il funerale è fissato per oggi alle 15,30 nella Parrocchia di San Giuseppe.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Le sabbie mobili dei cantieri

Quante opere pubbliche stritolate fra burocrazia e soldi che mancano: i casi in Toscana, i tempi e i progetti

di Barbara Antoni