Il Tirreno

F1: ricatto a Schumacher, arrestato presunto complice era guardia sicurezza della famiglia

05 luglio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Wuppertal, 5 lug. (Adnkronos) - La polizia tedesca ha arrestato un presunto complice nel caso del tentato ricatto ai danni della famiglia dell'ex campione del mondo di Formula 1 Michael Schumacher. Lo ha riferito oggi la Procura di Wuppertal. Si tratta di un uomo di 52 anni che lavorava come guardia di sicurezza per la famiglia ed è stato arrestato giovedì a Wülfrath, vicino a Wuppertal. La Procura ha aggiunto che è stata sequestrata una grande quantità di prove aggiuntive. Gli investigatori hanno arrestato quindici giorni fa i due presunti ricattatori della famiglia dell'ex pilota. Secondo la Procura, l'uomo di 53 anni e suo figlio di 30 anni possedevano foto private della famiglia Schumacher. Durante l'indagine sul luogo in cui entrambi avevano ottenuto le foto della vita privata della famiglia e dei loro immediati dintorni, hanno finalmente trovato l'uomo di 52 anni. Michael Schumacher, sette volte campione del mondo di Formula 1, è rimasto gravemente ferito in un incidente sugli sci alla fine del 2013. Da allora non è più apparso in pubblico. Come già riferito dalla Procura, i presunti ricattatori hanno riferito ai dipendenti della famiglia che avevano dei fascicoli che la famiglia sarebbe stata interessata a non pubblicare e che avrebbero preteso un pagamento di un milione di dollari, altrimenti avrebbero pubblicato i dati sulla cosiddetta "darknet". A riprova avrebbero inviato alcuni file alla famiglia. L'indagine è iniziata in seguito ad una segnalazione delle autorità svizzere. Secondo gli investigatori, "misure tecniche" hanno finalmente permesso di scoprire che i presunti ricattatori operavano dalla città tedesca di Wuppertal. I due sospettati sono stati arrestati il ​​19 giugno nel parcheggio di un supermercato a Gross-Gerau, nella regione dell'Assia. Padre e figlio non sono sconosciuti alla Polizia: secondo gli investigatori sono in libertà vigilata per un altro caso. Non è il primo tentativo di ricatto nei confronti della famiglia dell'ex pilota. Nel 2017, un tribunale di Reutlingen, nel Baden-Württemberg, ha condannato un uomo di 25 anni per aver tentato di ricattare la moglie di Schumacher, Corinna, per una somma di 900.000 euro. Ha minacciato che altrimenti sarebbe successo qualcosa ai figli della coppia. L'uomo è stato condannato a 21 mesi di libertà vigilata.
Primo piano
Ambiente

«No alla nuova funivia»: rivolta contro l’ecomostro sull’Appennino tosco-emiliano. I motivi della protesta

di Cristiano Marcacci
Sport