Il Tirreno

Lecco: maltrattamenti ai danni di un'anziana, 3 persone allontanate da casa familiare

28 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Milano, 28 mag. (Adnkronos) - Maltrattava l'anziana presso la quale lavorava come badante e, approfittando delle sue condizioni fragili, approfittava della stessa disponendo dei suoi beni, senza averne alcuna autorizzazione, insieme a due suoi familiari. E' quanto accaduto a Lecco, dove tre persone sono state colpite da altrettante ordinanze di allontanamento dalla casa familiare disposte dal gip di Lecco a seguito di una complessa attività d’indagine coordinata dalla locale procura. Le indagini sono scattate a seguito della denuncia sporta dalla stessa badante, una donna di origini peruviane, per l'occupazione abusiva di un immobile di sua proprietà. Gli accertamenti eseguiti dalla polizia hanno consentito di accertare che ad ospitare l'inquilino dell'appartamento, un connazionale, era stata lei stessa. L'appartamento era di proprietà dell'anziana presso la quale lavorava come badante ed era stato spesso utilizzato per offrire ospitalità a stranieri. Ai poliziotti, inoltre, l'uomo ha riferito di aver assistito ad episodi di maltrattamenti ai danni dell’anziana da parte della donna. Gli agenti della squadra mobile hanno quindi acquisito informazioni e testimonianze tali da confermare la versione dell'uomo e da insinuare il concreto sospetto che la badante approfittasse della condizione di fragilità della donna, con patologie psichiatriche, delineando un possibile quadro di circonvenzione. E il pm incaricato della direzione delle indagini ha avviato d’urgenza attività tecniche che hanno consentito di confermare la circonvenzione di incapace e di appurare che effettivamente l’anziana era vittima di maltrattamenti perpetrati dalla badante e da due suoi parenti, domiciliati dalla badante stessa nell’abitazione della donna, che la sottoponevano a continue umiliazioni verbali e a violenze fisiche. Per questo a carico dei tre soggetti sono state emesse le misure cautelari dell’allontanamento dalla casa familiare, accompagnate dal divieto di comunicare in qualsiasi forma con l’anziana, eseguite dal personale della squadra mobile lo scorso giovedì mattina. L’anziana, nel frattempo, è stata trasferita presso una struttura.
Primo piano
Lo schianto

Morto a 32 anni in Autostrada a Carrara: chi era Samuel e le prime ipotesi sulla tragedia