Il Tirreno

Corruzione: Spinelli al gip, 'spese per matrimonio unici soldi prestati a Signorini'

16 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Milano, 16 mag. (Adnkronos) - Paolo Emilio Signorini, ex presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, arrestato per corruzione e atti contrari ai doveri d'ufficio nell'inchiesta della procura di Genova che ha provocato u terremoto nella politica ligure, è una "persona perbene". Lo fa mettere a verbale, nell'interrogatorio davanti al gip Paola Faggioni l'imprenditore Aldo Spinelli, finito ai domiciliari per corruzione. "Le spese del matrimonio sono l'unica cosa che ho dato a Signorini e mi restituirà entro giugno o luglio del prossimo anno quando prenderà la quattordicesima e avrà gli utili. Ho dato a Signorini i 15.000 euro del matrimonio, non mi ricordo come li ho dati, credo in contanti. Glieli ho dati sicuramente con la promessa che lui mi il restituirà entro luglio di questo anno. Lui è un uomo pubblico". Nella corposa ordinanza c'è un lungo elenco di weekend offerti a Monte Carlo, spese per il casinò e regalie, ma lo 'zar' del porto genovese precisa: "I gettoni delle fiches se li pagava lui. Lui godeva della mia carta vip. (...) Risultava che quando lui andava a cambiare i suoi soldi li mettevano sulla carta vip. Lo garantisco io. Se vuole i croupier sono testimoni. Lui non si è fatto vedere mai da nessuno. Vede che dico al verità. (...) Il conto corrente a Monte Carlo è limpido come una pasqua". Per quanto riguarda l'incarico lavorativo promesso a Signorini, incarico che emerge nell'ordinanza di custodia cautelare, Spinelli replica al gip: "Era disperato perché gli finiva il lavoro e ci ho detto 'Paolo, finiscila di piangere. Noi abbiamo 18 dirigenti di cui il più giovane sono io che ho 85 anni, un posto di lavoro te lo troviamo stai tranquillo, non ti preoccupare'...Gente come te non se ne trova in giro da nessuna parte professionalmente..." conclude Spinelli.
Le ultime
Il decreto

Dal governo via libera al Salva-casa: vetrate e sanatorie, le nuove regole