Il Tirreno

Politica: Eurispes, cala fiducia in Istituzioni, cresce quella in Parlamento e partiti

24 maggio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Roma, 24 mag. (Adnkronos) - Diminuisce la fiducia dei cittadini nelle Istituzioni, che passa dal 30,3 per cento del 2022 al 27,4 di quest'anno, anche se aumenta quella nei confronti del Parlamento e dei partiti. Lo rileva il 35esimo 'Rapporto Italia' dell'Eurispes Superiore alla metà degli interpellati il consenso per il Presidente della Repubblica, che registra un 52,2, in calo comunque rispetto al 55,6 precedente, mentre come detto cresce la percentuale dei cittadini che si fidano delle Camere, che passa dal 25,4 al 30 per cento, e aumentano anche quelli che credono nei partiti, dal 29,1 al 32,5. Stabile la magistratura con il 41 per cento e anche l'attuale Governo rispetto al precedente, con il 34,3. In calo il consenso per i presidenti di Regione, a conferma di un trend che va dal 42,6 del 2021, al 38,2 dello scorso anno. Cala ma si mantiene alto il consenso per Forze dell’Ordine e di Polizia, Forze Armante e Intelligence: 55 per cento da 59,6 per la Guardia di Finanza; 52,8 da 60,3 per la Polizia di Stato; 52,7 da 55 per l'Arma dei Carabinieri; 64,3 da 66,5 per l'Esercito; 64 da 68,7 per l’Aeronautica militare; 67,5 da 70,3 per la Marina militare; 55,5 da 56,6 per l'Intelligence; 65,1 da 69,4 per la Guardia costiera. Per quanto riguarda altre realtà istituzionali del Paese, la fiducia nella Scuola passa dal 71,6 del 2022 al 62,4 di quest'anno; dieci punti in meno per la Protezione civile, al 69,9%; il Sistema sanitario nazionale diminuisce dal 65,2 al 55,8; l’Università dal 75 al 64,9%; il Volontariato dal 70,7 al 60,6; la Chiesa dal 54,4 al 50,4. Infine meno consenso per i sindacati dal 45,2 al 43,1; per le altre Confessioni religiose, dal 40,4 al 38; per le Associazioni dei consumatori, dal 52,4 al 46; mentre si mantengono stabili al 39,6 e al 39, rispettivamente, la Pubblica amministrazioni e le Associazioni imprenditoriali.
Venerdì nero
La scheda

Crash informatico, cosa c’è dietro al caos che ha mandato in tilt aeroporti, banche e media di tutto il mondo: il problema, i tempi e l’esperto