Il Tirreno

Toscana

La testimonianza

Maria, colpita dalle manganellate a Firenze: «Venti giorni di prognosi ma non mi zittiranno, torno in piazza»


	Maria colpita dalle manganellate è tornata in piazza
Maria colpita dalle manganellate è tornata in piazza

La ragazza fiorentina, simbolo della protesta e delle cariche violente agli studenti, sabato tornerà a manifestare: «Vogliamo denunciare ciò che succede a Gaza»

28 febbraio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





FIRENZE. Le hanno dato una prognosi di 20 giorni, ma Maria è tornata in piazza. L’ha conosciuta tutta Italia, tutto il Paese ha visto il volto rigato dal sangue di questa ragazza. Eppure è tornata in piazza. Ci tornerà. E dice di farlo per «i palestinesi» prima di tutto. Non tanto e solo per rivendicare il diritto a dire la sua. La giovane, rimasta colpita da un manganello durante la manifestazione pro-Palestina del 23 febbraio, durante l’assemblea pubblica in Santissima Annunziata parla al megafono insieme ad altri studenti che, come lei, hanno a cuore la causa palestinese. Nonostante il dolore, i segni ancora evidenti sul viso, in lei c’è la voglia di ritornare a far sentire la sua voce. Ad un patto, però. «Il mio caso non è il primo, purtroppo. Ma dobbiamo continuare a parlare di quanto sta accadendo al popolo palestinese, dobbiamo fermare il genocidio. Spero che alla manifestazione di sabato ci saranno molte più persone rispetto a quella passata». Certo, quegli scontri, i manganelli usati dalla polizia a Pisa e a Firenze hanno fatto scalpore, perfino il presidente della Repubblica ne ha parlato come di un «fallimento» dello Stato. Proprio ieri da Roma è arrivata la notizia di una dirigente di polizia a capo di un reparto mobile fiorentino impegnato nella gestione dell’ordine pubblico trasferita ad altro incarico. E sebbene Viminale e questura smentiscano un collegamento con la vicenda di Pisa, i ragazzi sanno che è impossibile non leggerla come una mossa politica, riparatrice.


«Non sarà un manganello e qualche denuncia a fermare la nostra voce, per questo ci troveranno sotto il consolato Usa», dice Maria, che invita studenti e studentesse, nonché lavoratori, a partecipare ancora una volta al presidio che si terrà sabato 2 marzo, alle 18, proprio davanti al consolato americano sul lungarno Vespucci, «perché non può vincere la paura. Non possono vincere i manganelli. Perché di fronte all’orrore che quotidianamente si consuma a Gaza sentiamo dentro di noi il dovere di non rimanere indifferenti. Perché di fronte alle violenze della polizia di Firenze e di Pisa rivendichiamo il diritto di manifestare, di esprimerci, di protestare». Dopo Maria, tante altre persone prendono la parola. Da alcuni studenti e studentesse appartenenti al collettivo del liceo Machiavelli-Capponi, tra i primi istituti ad esporsi dopo i fatti («abbiamo attaccato foto di Gaza che mostravano la distruzione e la morte di quei luoghi, preside e vicepreside hanno dato l’ordine di staccare e buttare tutto»), fino ad alcuni alunni dell’Università di Pisa, anche loro presenti. Ciò che accomuna il centinaio di studenti che hanno deciso di partecipare all’assemblea pubblica è la volontà di non accendere i riflettori solo sugli scontri con le forze dell’ordine. L’attenzione, secondo loro, deve rivolgersi alla causa palestinese. «In questi giorni ne abbiamo sentite di tutte. C’è chi strumentalizza e chi condanna, ma quel che ci preme è che le manganellate e le denunce non prendano il sopravvento su quanto ci interessa, ovvero la guerra», sottolinea un ragazzo venuto da Pisa. Gli studenti sono arrabbiati e amareggiati, ma non vogliono fare un passo indietro. Il manganello fa ancora male sul volto di Maria. Ma nemmeno lei dice che si lascerà intimidire. «Sabato io torno in piazza».

Primo piano
Maltempo

Meteo in Toscana, neve record fino in collina e 25 aprile col cappotto: le previsioni. Valanghe: scatta l’allerta

di Tommaso Silvi