Il Tirreno

Toscana

Meteo

Maltempo in Toscana, la pioggia rallenta ma l’emergenza non è finita: famiglie evacuate e una nuova allerta, il punto della situazione


	La frana a Montemurlo
La frana a Montemurlo

Auto sott’acqua a Carrara, a Livorno un albero crolla su un furgone. Numerose strade chiuse in Lunigiana. Il bilancio della Protezione civile nelle parole del presidente Eugenio Giani

27 febbraio 2024
8 MINUTI DI LETTURA





Numerose criticità e vari disagi in Toscana si sono registrati nella giornata di martedì 27 febbraio. In Toscana era stata diramata l’allerta arancione con numerosi comuni in cui le scuole sono rimaste chiuse. In particolare si sono verificati frane, allagamenti e alberi caduti in diverse zone. Dalla serata di martedì 27 le piogge hanno allentato la presa, ma l’emergenza non è ancora del tutto terminata. La Sala operativa della protezione civile della Toscana ha emesso una allerta gialla per mercoledì 28 febbraio in tutta la regione. La nuova allerta per rischio idraulico e idrogeologico è valida fino alle 14 di mercoledì 28. Di seguito il racconto della giornata di maltempo con tutti i disagi registrati in Toscana. 

___________________________________________________________________________________________________

COSA È SUCCESSO

Ore 21. Giani: «Non ci sono criticità», il punto della situazione

Il presidente della Regione, Eugenio Giani, fa il punto della situazione: «Le precipitazioni sono ora più a carattere sparso e di minore intensità. La portata dell’Arno è importante nell’ordine di 800 metri cubi al secondo a Empoli e Pontedera e aumenterà ancora nelle prossime ore, ma non ci sono criticità. Sempre attivi i servizi di piena e sistema regionale di Protezione Civile – spiega Giani – impegnati anche per il ripristino della viabilità a seguito delle frane insieme ai Comuni e vigili del fuoco. Ombrone pistoiese al primo livello di guardia a Pontelungo, Ponte alle Vanne e Poggio a Caiano. Bisenzio al primo livello a San Piero a Ponti, Cecina al primo livello a Castelnuovo di Val di Cecina e a Riparbella, Sovata e Bruna al primo livello, Ombrone grossetano al primo livello».

Ore 20. Prato: pino cade su un’auto

Se l’è vista brutta il conducente di una Renault Scenic che nel tardo pomeriggio di oggi, 27 febbraio, è stata colpita in pieno da un albero caduto a causa di una raffica di vento. L’occupante della vettura è fortunatamente uscito illeso dall’auto e ha potuto allontanarsi con le proprie gambe.

Ore 19,20. Montemurlo: evacuate 18 famiglie

Il maltempo continua a causare danni a Montemurlo. Le criticità maggiori si stanno riscontrando in via di Javello, il località la Gualchiera, dove stamattina intorno alle 10,40 ha iniziato a staccarsi una frana dalla montagna con la discesa dal costone di acqua, fango, pietre ed alberi.

Su indicazione dei vigili del fuoco, il sindaco Simone Calamai ha disposto l'evacuazione precauzionale di 18 famiglie per un totale di 40 persone che vivono nella zona interessata dalla frana. Si tratta di di via del Carbonizzo, via Gualchiera, del centro sportivo del Carbonizzo e del teatro della Gualchiera con la sospensione di tutte le attività fino al termine dell'emergenza.ll Comune sta organizzando il servizio di fornitura dei pasti alle persone costrette a lasciare le proprie abitazioni.

Ore 18.20. Ancora frane

Si segnalano frane sulla viabilità a Sammommè a Pistoia e nel comune di Montemurlo.

Ore 18.10. Crolla un muro a Tirrenia

Un muro è crollato e undici persone evacuate. Lo fanno sapere i vigili del fuoco. Il fatto è avvenuto a Tirrenia in via delle Eriche: qui i dettagli.

Ore 18. Aggiornamento livello fiumi

La portata dell’Arno è in aumento ma sempre sotto i livelli di riferimento. Il livello del Cecina è in aumento a causa delle forti piogge attualmente su livornese e grossetano, a Riparbella ha superato il primo livello. Lo comunica la Regione.

Ore 16. L’aggiornamento sui fiumi

L’asta dell’Arno è in aumento ma senza criticità, i livelli rimangono sotto i livelli di riferimento e la portata a Empoli è 600 metri cubi d’acqua al secondo. Ombrone pistoiese a Poggio a Caiano e Bisenzio a San Piero a Ponti sono in calo al primo livello. Il Cecina a Riparbella è al primo livello, in calo l’Ombrone grossetano a Cinigiano. Nelle prossime tre ore proseguiranno precipitazioni diffuse lungo la costa, in Arcipelago e sul Nord Ovest, dalle 18 possibile attenuazione delle precipitazioni. Così la Regione in una nota.

Ore 15. I disagi nella provincia apuana

Il maltempo colpisce duro nella provincia apuana. In Lunigiana la viabilità è messa a dura prova dalle frane. Allagamenti a Massa, a Carrara auto sott’acqua: qui i dettagli.

Ore 13.40. La nuova allerta

Allerta arancione per rischio idrogeologico fino alla mezzanotte di oggi sulla Toscana e anche per rischio idraulico su area Bisenzio e Ombrone Pistoiese.

Fino alle 14 di mercoledì 28, allerta gialla per ischio idraulico e idrogeologico su tutta la Toscana.

Ore 13.30 Vernio: strada interrotta

Il traffico sulla strada regionale 325 è temporaneamente interrotto nel tratto compreso tra Sasseta e Montepiano, nel comune di Vernio all’altezza della località Pusignara, a causa di una frana che ha provocato la caduta di alcuni alberi.

Ore 12.35. I fiumi che preoccupano

Interventi per alcune frane e smottamenti localizzati tra Massa Carrara, Lucca e Pistoia, molti già risolti e in via di risoluzione. Aumenti lungo l’asta dell’Arno ma all’interno dei livelli di riferimento.

Precipitazioni intense al momento sul grossetano e livornese con aumenti dei bacini nella zona. Il Cecina è al primo livello di guardia, l’Ombrone Grossetano ha raggiunto il primo livello a Cinigiano, nelle prossime ore fino a sera ancora precipitazioni su costa, Arcipelago e nord ovest. Lo spiega Eugenio Giani una nota.

Ore 12. Previsto un peggioramento

Interventi in corso del sistema regionale a causa delle forti piogge per alcuni smottamenti e movimenti franosi sulle strade in Lunigiana, nei comuni di Podenzana e Zeri e in Garfagnana. In diminuzione al primo livello il Cecina a Castelnuovo Val di Cecina e il Pavone a Pomarance.

Al primo livello stabili Ombrone a Pistoia, a Poggio a Caiano e Pontelungo e il Bisenzio a Signa. In funzione servizio di piena e impianti idrovori dei Consorzi di Bonifica. Nelle prossime ore prevista intensificazione delle precipitazioni lungo la fascia costiera, in Arcipelago e sul Nord Ovest. Lo comunica la Regione.

Ore 11.50 Frane: il punto in Lunigiana

SR 445 chiusa in località Codiponte di Casola in Lunigiana per movimento franoso che occupa l'intera sezione stradale.

SP 13 aperta a senso unico alternato in località Canova di Aulla per movimento franoso occupa parzialmente la sede stradale .

SP 37 chiusa al km 5, prima di Codolo nel Comune di Zeri, per movimento franoso.

SP 36  a senso unico alternato al km 4, in direzione Arzelato, nel Comune di Zeri;

SS 665 chiusa in direzione Lagastrello, subito dopo Tavernelle nel Comune di Licciana Nardi, per movimento franoso che occupa l'intera sezione stradale (nella foto qui sotto).

Ore 11.40 Frana a Stibbiano

Una squadra di vigili del fuoco della sede centrale è intervenuta sulla strada che conduce alla frazione di Stabbiano per liberare la strada da un grosso albero caduto a seguito di uno smottamento del terreno. La viabilità stradale è momentaneamente interrotta.

Ore 10.35 Pistoia: crolla un muretto

Primi guai del maltempo a Pistoia: è crollato un muretto sopra il parcheggio della Misericordia in via Bonellina. Un paio di auto seriamente danneggiate. Sul posto i tecnici dell'ufficio viabilità. Lo segnala il Comune di Pistoia.

Ore 9.50. Frane in Versilia

A Massarosa una squadra di Viareggio è intervenuta in via Sarzanese Sud ( SS439 ), all'altezza del bivio per il ristorante Chandelle, per una frana di grosse dimensioni che ha ostruito completamente la carreggiata. Sul posto è intervenuto anche l'assessore, la protezione civile del Comune, i carabinieri di Viareggio e l'Anas. La viabilità è stata ripristinata attorno alle ore 7:30.

Sempre a Massarosa, in via Pietra a Padule, la squadra di Viareggio è intervenuta per un'altra frana che ha coinvolto un'autovettura con due persone a bordo che sono rimaste bloccate all'interno, ma non sono rimaste ferite. La strada era completamente ostruita e la viabilità è stata ripristinata attorno alle 5.

Altre frane si sono verificate sul Monte Quiesa dal versante di Bozzano, a Pedona, a Levigliani e in Garfagnana a Gallicano, dove 3 famiglie sono rimaste isolate.

Ore 9.40. Arnaccio percorribile

Anas fa saper di aver risolto i problemi sulla strada statale 67 Bis “Tosco Romagnola” in località Arnaccio.

Ore 8.35. Arnaccio ko

A causa di un allagamento, la strada statale 67 Bis “Tosco Romagnola”, è temporaneamente chiusa al traffico, in entrambe le direzioni, dal km 10,400 al km 14,600 in località Arnaccio (Pisa). Lo segnala Anas con una nota. In mattinata, è stata riaperta la Strada Statale 439 “Sarzanese Valdera”, precedentemente chiusa per ostacolo in carreggiata a Massarosa (Lucca) mentre sulla strada statale 62 “della Cisa” è stato istituito il senso unico alternato regolato da movieri all’altezza della stazione di Caprigliola – Albiano (Massa Carrara).

Ore 8.30. Allagamenti a Livorno

Precipitazioni attive su gran parte della regione. Cumulati superiori a 130mm a Fabbriche di Vergemoli, 121mm ad Equi Terme. Alcuni allagamenti a Livorno, segnalano dalla Regione.

Ore 8.20. Il livello dei fiumi preoccupa

Rimangono alti i livelli in tutti i bacini delle zone oggetto di allerta, in particolare su quelli centro-settentrionali e costieri. Sopra il primo livello di guardia al momento stabili l’Ombrone pistoiese a Pistoia e Poggio a Caiano e il Bisenzio a Signa e Gamberame. Al secondo livello San Dalmazio a Pomarance. Al primo livello anche Cecina, Reno a Pracchia, Ozzeri, Freddana, Carrione, Era e Merse. Aumenti anche lungo l’asta dell’Arno ma al momento molto sotto il primo livello di guardia.

«Le precipitazioni continueranno per tutta la giornata e quindi massima attenzione», dice Eugenio Giani.

Primo piano
La sentenza

Pisa, morto a 52 anni per l’amianto respirato sulle navi della Marina: la figlia risarcita dopo 24 anni

Il commento audio

Morte di Mattia Giani, il direttore del Tirreno alla partita della vergogna: «Una crudele idiozia»