Il Tirreno

Consulta accoglie ricorso del Gip, il processo Regeni potrà proseguire

27 settembre 2023
1 MINUTI DI LETTURA





ROMA (ITALPRESS) – La Corte costituzionale, riunita in camera di consiglio, ha esaminato la questione di legittimità costituzionale sollevata dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma in relazione alla celebrazione del processo per il sequestro e l’omicidio di Giulio Regeni. La Corte ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’articolo 420-bis, comma 3, del codice di procedura penale, nella parte in cui non prevede che il giudice procede in assenza per i delitti commessi mediante gli atti di tortura definiti dall’articolo 1, comma 1, della Convenzione di New York contro la tortura, quando, a causa della mancata assistenza dello Stato di appartenenza dell’imputato, è impossibile avere la prova che quest’ultimo, pur consapevole del procedimento, sia stato messo a conoscenza della pendenza del processo, fatto salvo il diritto dell’imputato stesso a un nuovo processo in presenza per il riesame del merito della causa.
La sentenza sarà depositata nelle prossime settimane.

– Foto: Agenzia Fotogramma –

(ITALPRESS).

Primo piano
Economia

Logistica, 100 posti di lavoro nel maxi-polo di Perignano: chi investe e le ricadute economiche

di Francesco Turchi
Le nostre iniziative