Il Tirreno

Prato

Pallamano

La Tushe si arrende alla forte Pontinia. «Ci farà crescere»

di Vezio Trifoni
La Tushe si arrende alla forte Pontinia. «Ci farà crescere»

Le ragazze di Valentina Megli vengono sconfitte 33-18 in un match dove le giocatrici di casa hanno dimostrato di avere esperienza e più feeling con la massima serie della disciplina

25 settembre 2022
3 MINUTI DI LETTURA





PRATO. Prima sconfitta per la Tushe Prato nella serie A femminile di pallamano. A Pontinia le ragazze di Valentina Megli vengono sconfitte 33-18 in un match dove le giocatrici di casa hanno dimostrato di avere esperienza e più feeling con la massima serie della disciplina.

Primo tempo dove le ragazze pratesi hanno giocato alla pari con ottima prestazione di Martinelli (classe 2007) e una difesa che ha saputo contenere le entrate delle giocatrici che lo scorso anno hanno fatto i playoff chiudendo 16-10 il tempo.

Nel secondo tempo Pontinia è salita di ritmo e le ragazze di Valentina Megli non sono più riuscite a tenere le avversari e alla fine il risultato è stato di 33- 18.

Adesso ci sarà la sosta del campionato per la nazionale che servirà a ricaricare le pile e presentarsi ancora più forti al prossimo appuntamento con la massima serie di pallamano femminile.

«Dopo due vittorie belle è arrivata questa sconfitta che era prevedibile visto la forza della Pontinia – spiega Megli – la differenza c’è, ma bisogna prendere gli aspetti positivi del match. Siamo riusciti a far esordire un’altra 2007 Lavinia, e Martinelli ha giocato quasi tutta la partita. Il primo tempo è stato equilibrato e questo dimostra che abbiamo ampi margini di miglioramento».

«Ho visto la squadra soffrire e fare quadrato anche nei momenti più difficili dove loro giocavano ad altissimi livelli – va avanti –: un plauso alle ragazze che non hanno mollato e che hanno dato spazio anche alle più giovani per fare esperienza. Noi dobbiamo crescere e solo affrontando squadre forti lo possiamo fare. Questa partita ci serve per comprendere che la realtà dell’A1 è questa e bisogna alzare l’asticella con allenamenti sempre più specifici e alzando l’intensità se si vuole rimanere qui».

Anche la capitana Ucchino suona la carica: «Pontinia è una signora squadra e giocare qui e ancora più difficile perché c’è tradizione e grande determinazione – sottolinea Ucchino –: la squadra ha preparato bene il match, ma c’è differenza è solo con il lavoro possiamo arrivare a lottare queste partite. Ho visto grande spirito e non bisogna abbattersi, ma anzi credere in noi stesse tutte insieme».

Aggiunge Ucchino: «Ci sono tante giovani che stanno crescendo, ma hanno poca esperienza e malizia. A breve sono sicura che potranno fare un grande salto. Ora abbiamo la sosta che comunque ci vede con 4 punti in classifica e sotto con le altre gare per dare battaglia a tutte le avversarie. Il nostro obiettivo è la salvezza e dobbiamo centrarla vincendo le gare alla nostra portata. Questa era, in questo momento, ancora troppo forte».


 

Primo piano
La violenza

Viareggio, tre adolescenti aggrediti e picchiati a colpi di casco vicino a un bagno

di Donatella Francesconi e Roy Lepore