Il Tirreno

Prato

Il caso

Vernio, maxi rissa tra due famiglie il 25 aprile al parco, quattro feriti: dal litigio ai cazzotti

di Paolo Nencioni

	L'intervento delle ambulanze dopo la rissa a Vernio
L'intervento delle ambulanze dopo la rissa a Vernio

Tutto è iniziato dal diverbio tra due giovani, poi sono arrivati i parenti a dare man forte ai contendenti. Un uomo portato d’urgenza in ospedale con un trauma cranico

25 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





VERNIO. Almeno quattro persone sono rimaste ferite, una in maniera abbastanza seria, in seguito a una rissa avvenuta poco dopo l’ora di pranzo di giovedì 25 aprile, al parco dell’Albereta di Vernio.

Il litigio e la rissa

Secondo quanto riferito dai soccorritori (un’ambulanza col medico della Misericordia di Vernio e un’ambulanza di Vaiano, alla quale successivamente se n’è aggiunta un’altra) tutto è iniziato dalla lite tra un giovane italiano e un coetaneo marocchino. Sembrava una scazzottata come tante altre, ma ad aggravare la situazione è arrivato l’intervento dei rispettivi parenti a la lite tra due persone si è trasformata in una rissa vera e propria, con il coinvolgimento anche di alcune donne, una delle quali incinta. Il bilancio del 118 parla di quattro feriti: un sessantenne, un ventiquattrenne. una ragazzina di 13 anni e una donna di 27.

L’allarme

Il tafferuglio ha attirato l’attenzione di tanti residenti e qualcuno ha chiamato il 118. Nel frattempo il sessantenne è stato colpito alla testa, probabilmente con un bastone, e ha riportato un forte trauma cranico, per il quale è stato soccorso in codice giallo. Gli altri partecipanti alla rissa hanno riportato contusioni. Sul posto è stata inviata una pattuglia dei carabinieri forestali che ha identificato tutti i presenti, alcuni dei quali saranno denunciati per rissa. Non si conoscono al momento i motivi della lite iniziale, ma viene riferito che i partecipanti sono conosciuti nella zona per fatti simili.

Reazioni politiche

«Ennesimo fatto di violenza oggi al parco dell’Albereta con una rissa che ha coinvolto più persone costringendo l’intervento di ambulanza e forze dell'ordine – commenta Marco Curcio, candidato sindaco del centrodestra – La situazione ormai da tempo è fuori controllo, è necessario restituire questo spazio verde alle famiglie ristabilendo decoro e sicurezza. Decoro urbano, sicurezza e lotta al degrado sono una priorità mia e della lista dei candidati che mi sostiene. Tutti i cittadini di Vernio e della Vallata hanno ben presente questo problema che purtroppo coinvolge il parco dell'Albereta e chi fin ora ha avuto responsabilità nel governo amministrativo non è stato capace di affrontare e risolvere. Sia ben chiaro che un punto fermo del centrodestra è e sarà sempre quello di riprendere il controllo e garantire la sicurezza nel nostro territorio, che non può essere in mano a scorribande di violenti».

Primo piano
Politica e soldi

Le elezioni europee sono un grande affare: ogni eletto intasca 1,2 milioni

di Mario Neri
Ciao Franchino