Il Tirreno

Pontedera

Calcio Serie C

Agostini sulla panchina granata. «Lavoro, nuove idee e costanza»

di Stefano Scarpetti
Alessandro Agostini, ex Cagliari, subentra a Massimiliano Canzi alla guida tecnica della squadra granata
Alessandro Agostini, ex Cagliari, subentra a Massimiliano Canzi alla guida tecnica della squadra granata

Pontedera. L’ex Cagliari succede a Massimiliano Canzi alla guida della prima squadra. «Piazza importante: una grande opportunità che ho colto subito e con entusiasmo»

06 giugno 2024
3 MINUTI DI LETTURA





PONTEDERA. La fumata bianca è arrivata ieri, Alessandro Agostini, ex Cagliari (Primavera) e Genoa (Primavera) è il successore di Massimiliano Canzi sulla panchina del Pontedera. Alle insistenti voci degli ultimi giorni ha fatto riscontro il comunicato ufficiale diramato dalla società a metà pomeriggio e successivamente la presentazione del tecnico nella sala stampa dello stadio “Ettore Mannucci”. Presente la società al completo, a partire dal presidente Simone Millozzi, il direttore sportivo Moreno Zocchi e il direttore generale Piero Ducci confermato anche per la prossima stagione, oltre naturalmente al tecnico e un piccolo gruppo di tifosi che hanno avuto modo di conoscerlo. «Voglio ringraziare il ds Zocchi per il lavoro svolto in queste settimane perché in tempi brevi siamo arrivati a una soluzione per la guida tecnica – sottolinea il numero uno granata dando il benvenuto al nuovo allenatore –, e non era una cosa facile e scontata. È comunque bastato poco, il nostro colloquio ci ha visto subito concordi nel sostenere il progetto sportivo che stiamo portando avanti da diversi anni. Oggi (ieri, ndr) per noi è un nuovo inizio, dal punto di vista della guida tecnica, ma è un percorso che ha visto consolidare alcuni punti fermi in società, come il ds Zocchi, un valore aggiunto per il club, e anche il dg Piero Ducci, con il quale abbiamo raggiunto un accordo per proseguire insieme: confermando queste due figure, vogliamo consolidare il percorso di crescita. Sono anche subentrati nuovi soci, in questo anno è importante sottolineare lo sforzo della società in termini di solidità economico-finanziaria: stare in un certo modo in queste categorie non è mai facile». Una scelta, quella del nuovo allenatore, individuata dal ds Zocchi «decisa in tempi rapidi dopo aver preso tutte le informazioni del caso», sottolinea. «Il nostro volere – aggiunge il direttore sportivo – è lavorare con i giovani centrando i risultati e sono convinto che la scelta è quella giusta. Lavoreremo quotidianamente per migliorare quello che è stato fatto negli ultimi anni, non possiamo sederci perché il passato non conta nulla: sono convinto che scelta migliore non ci fosse, il mister sa che si gioca una grande opportunità». Una grande «opportunità», quella della panchina del Pontedera, «che ho colto con molto entusiasmo», sottolinea Agostini. «Questa piazza ha fatto cose importanti negli ultimi due anni – aggiunge –. Un qualcosa che vogliamo rifare, su questo non ci piove: la strada è solo una, quella del lavoro, dell’intensità, delle idee e questo pagherà se fatto in modo costante, ci sono le componenti per fare qualcosa di importante. Credo di essere fortunato, sono certo che tanti allenatori vorrebbero essere al mio posto. Di mio – prosegue Agostini – vorrei mettere a disposizione dei ragazzi quello che ho imparato da calciatore, non mi spaventa questa sfida: non avevo l’idea di approdare in una prima squadra, ma quando ho visto questo progetto non ho potuto dire di no, ho visto grande condivisione di intenti. Un plauso poi voglio farlo a Canzi, l’ho conosciuto a Cagliari e sta davvero facendo un ottimo percorso».

Il tecnico che ha firmato un contratto annuale avrà a suo fianco il suo secondo Vincenzo Sgambato, rimangono nello staff Daniele Zini e il preparatore atletico Lorenzo Monticelli. Nei prossimi giorni ci sarà un incontro con il preparatore dei portieri Enzo Biato. Sul versante squadra, Martinelli ha firmato un rinnovo mentre ci saranno colloqui con Espeche e Benedetti. Riguardo agli over, Ianesi, Guidi, Gagliardi, Ambrosini, Paudice, hanno contratti pluriennali. Inizio del ritiro fissato per il 15 luglio, il 20 amichevole al Viola park contro la Primavera della Fiorentina.


 

Primo piano
Lavoro e diritti

Amadori annuncia il licenziamento di 200 lavoratori in Toscana: sciopero il 20 giugno