Il Tirreno

Pontedera

La ricostruzione

Bientina, preparano il colpo ma al bancomat ci sono i carabinieri: l’inseguimento e il carrozziere chiamato in piena notte

di Tommaso Silvi

	Il carroattrezzi utilizzato per il tentato colpo al bancomat
Il carroattrezzi utilizzato per il tentato colpo al bancomat

I ladri rubano il mezzo in una carrozzeria a Bientina. Mentre stanno per far saltare lo sportello automatico vengono visti dai militari

28 febbraio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





BIENTINA. Stavano già pregustando il colpaccio. Era tutto pronto. Anche il cavo del carroattrezzi era già stato srotolato, pronto ad essere agganciato allo sportello automatico per farlo saltare. Ma proprio mentre i ladri stavano facendo manovra con il mezzo, un’auto dei carabinieri è passata e ha notato la scena. Ed è scattato l’inseguimento. Ma andiamo con ordine. Per raccontare una storia che ha un doppio lieto fine. Un bancomat che esiste ancora dopo essere stato a un passo dall’essere sbriciolato e svuotato, e un imprenditore che ha - per fortuna – solo rischiato di subire un grave danno.

Blitz in carrozzeria

È la notte tra lunedì 27 e domenica 26 febbraio quando i ladri si intrufolano nella carrozzeria Nuova Centrale, in via Valdinievole, a Bientina. «Hanno rotto i lucchetti del cancello d’ingresso – racconta il titolare, Marcello Gargani –, e poi hanno portato via un carroattrezzi, oltre ad alcuni arnesi che probabilmente utilizzeranno per mettere a segno altri colpi utilizzandoli come oggetti da scasso». Per dare un’idea a chi non fosse pratico del mestiere. Un carroattrezzi nuovo può arrivare a costare anche 100mila euro. Il minimo di spesa per un mezzo usato, invece, si aggira attorno a 15-20mila euro.

Il colpo mancato

Da Bientina i ladri procedono verso Galleno, dove si sistemano vicino a un bancomat. Il carroattrezzi si avvicina allo sportello automatico a marcia indietro. Di solito i ladri fanno così: col cavo che servirebbe per agganciare le auto e spostarle sopra al carroattrezzi agganciano il bancomat, poi danno gas, tirano e portano via tutto, in modo da poter mettere le mani sui soldi. A supervisionare la manovra c’è un’Audi con a bordo i complici dell’uomo a bordo del carroattrezzi. A questo punto un’auto dei carabinieri passa e i militari capiscono subito cosa sta per succedere. E inizia l’inseguimento.

La fuga

Dal carroattrezzi scende un uomo che sale sull’Audi. L’auto inizia a correre a folle velocità in direzione di Chiesina Uzzanese. I carabinieri perdono le tracce dei malviventi dopo un inseguimento di alcuni chilometri. Al momento non risultano ancora individuati gli autori del tentato furto.

Il ritrovamento

Il telefono di Marcello Gargani squilla nel cuore della notte. «Mi hanno contattato i carabinieri chiedendomi di andare a riprendere il mezzo. Mi sono svegliato e sono andato. Di solito quando fanno questo tipo di colpi il carroattrezzi poi lo abbandonano, ma con ingenti danni. È andata bene, e ringrazio le forze dell’ordine per il loro lavoro».


 

Venerdì nero
La scheda

Crash informatico, cosa c’è dietro al caos che ha mandato in tilt aeroporti, banche e media di tutto il mondo: il problema, i tempi e l’esperto