Il Tirreno

Pistoia

il programma 

Camminare, conoscere Scienziati, scrittori e filosofi ci portano verso “Altri orizzonti”

Tra gli ospiti Marco Aime, lo storico Alessandro Vanoli e il vincitore del premio Strega, Trevi. Chiude Neri Marcorè

31 agosto 2021
3 MINUTI DI LETTURA





pistoia. Sarà dedicata a Luca Iozzelli, che dei Dialoghi è stato uno dei principali sostenitori, l’edizione 2021 del festival dell’antropologia contemporanea. Ecco il programma delle tre giornate e i protagonisti.

VENERDÌ 24 SETTEMBRE. Apre il festival la conferenza inaugurale Le parole e il cammino dello scrittore Paolo Rumiz, uno dei massimi narratori di viaggio. “Cammino dunque sono”: parafrasando Cartesio, il pedagogista e filosofo Duccio Demetrio spiega che il pensiero filosofico, fin da Platone, non ha mai cessato di riflettere sul divenire, sul tempo scandito dai passi, sul dirigersi verso una meta.

“Ogni luogo è un dove” è lo spettacolo teatrale, al suo debutto, scritto dall’antropologo Marco Aime, che sale sul palco del festival nell’inedita veste di voce teatrale narrante, con musiche di Massimo Germini che suonerà dal vivo vari strumenti, accompagnati dal canto e narrazione dall’attrice Eleni Molos: un percorso di poesie, musica, canzoni, in un viaggio per raccontarci quanta strada calpestano gli uomini per attraversare cieli, muri, deserti e mari, per affermare il proprio diritto e il desiderio di vita.

SABATO 25 SETTEMBRE. Cosa sta diventando l’essere umano in quest’epoca che qualcuno ha proposto di chiamare d.C., “dopo Coronavirus”? Che umanità è quella della grande accelerazione digitale e della crisi ambientale? Il rapporto con le macchine configura rischi di alienazione e nuove schiavitù? A questi e ad altri affascinanti interrogativi risponde il filosofo Maurizio Ferraris in dialogo con l’antropologo Adriano Favole.

Per millenni gli uomini hanno sfidato i limiti geografici, per impadronirsi di ogni luogo ignoto. Possono stare nella stessa storia i mercanti greci e Odisseo? Colombo, Magellano e i pirati dei Caraibi? La risposta a queste domande, secondo lo storico Alessandro Vanoli, non è letteraria, ma storica, perché ci racconta il senso che abbiamo dato alle nostre scoperte e come oggi guardiamo al nostro incerto presente. Questo incontro completa la serie di podcast “Viaggio come…” che Vanoli ha realizzato appositamente per i Dialoghi.

Sul palco del festival si chiude anche un altro ciclo di approfondimenti inediti: “Altri orizzonti. Brevi interviste con donne che guardano oltre”, otto colloqui in video con importanti figure femminili, condotti dalla giornalista e scrittrice Caterina Soffici. In presenza a Pistoia, Soffici intervista Nives Meroi, una delle maggiori alpiniste donne della storia.

Il fisico Antonello Provenzale, direttore dell’Istituto di Geoscienze e Georisorse del Cnr, illustra uno dei temi di maggiore urgenza e attualità: il cambiamento climatico.

DOMENICA 26 SETTEMBRE. Il filosofo Marco Vannini, che nel corso della sua lunga carriera si è occupato del recupero della grande tradizione mistico-speculativa, tiene una conferenza sulla mistica come “via del distacco”, che va oltre l’orizzonte dell’anima, verso lo spirito.

Lo scrittore e critico letterario Emanuele Trevi, vincitore del premio Strega 2021, dialoga con Marco Aime sul tema del viaggio iniziatico, mito culturale che attraversa tutte le epoche e culture.

Completano la giornata finale la scienziata Elena Cattaneo e la sociolinguista Vera Gheno. Chiude la XII edizione dei Dialoghi l’attore, conduttore e musicista Neri Marcorè, una delle figure più versatili dello spettacolo italiano, che dà voce a “Le vie dei canti” di Bruce Chatwin. Un testo che ha insegnato a generazioni a camminare, a guardare con sguardo attento, a conoscere, a rispettare il mondo che ci circonda e l’altro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Le ultime
Il lutto

È morta l’”immensamente Giulia” delle Vibrazioni, il ricordo commovente di Sarcina: «Ora più che mai sei lucente armonia»

Ciao Franchino