Il Tirreno

Montecatini

Toscana salute
Sanità

Pescia, onde e calore al posto del bisturi per eliminare i noduli alla tiroide


	L'equipe medica 
L'equipe medica 

Al Cosma e Damiano adottata l’innovativa tecnica della termoablazione

29 marzo 2024
3 MINUTI DI LETTURA





PESCIA. Non più solo il bisturi per eliminare i noduli alla tiroide grazie alla termoablazione a radiofrequenza: un trattamento alternativo applicato dall’equipe dell’ospedale Cosma e Damiano per curare i pazienti. «La tecnica – ha spiegato il dottor Francesco Feroci, direttore della struttura operativa di chirurgia generale di Pescia – consiste nell’introduzione di aghi all’interno delle lesioni, sotto guida ecografica, che trasmettono onde a radiofrequenza. Le onde, a contatto con i tessuti, sviluppano calore provocando la necrosi cellulare del tessuto, cioè la distruzione, che consente la riduzione volumetrica della lesione, con soddisfacenti risultati terapeutici».

Da gennaio sono stati eseguiti dieci trattamenti con termoablazione a radiofrequenza. I pazienti, dopo la valutazione specialistica, sono stati sottoposti a questo trattamento in anestesia locale e, grazie alla scarsa invasività della metodica, sono stati dimessi dopo sole due ore, senza nessuna cicatrice cutanea. Le termoablazioni sono state eseguite dal dottor Feroci, esperto nazionale in questo tipo di trattamenti insieme alla dottoressa Angela Coppola, specialista in medicina nucleare dell’ospedale di Prato, coadiuvati dalla equipe anestesiologica (diretta dal dottor Giuliano Michelagnoli) ed infermieristica (diretta da Roberta Gentili) .

«La chirurgia resta la prima scelta terapeutica – ha proseguito il dottor Feroci – ma esistono alcuni casi di neoplasie tiroidee, sia benigne che maligne, nelle quali la termoablazione può essere una valida alternativa terapeutica. Per la patologia nodulare benigna questa tecnica è indicata nei pazienti con gozzo nodulare che è causa di deviazione e compressione della trachea o dell’esofago e che presentano controindicazioni all’intervento chirurgico (come per esempio i pazienti cardiopati). È indicata anche nei pazienti che presentano gozzi voluminosi con deviazione della trachea e che non possono essere intubati. In questi casi la termoablazione riduce il volume della massa e conseguentemente l’effetto della compressione. Rispetto alla chirurgia tradizionale, questo tipo di tecnica è più tollerata, comporta minor dolore, può essere eseguita in day hospital e le proprie attività quotidiane possono essere riprese dopo 24-48 ore».

«I pazienti candidati a questo tipo di metodica, nell’ambito delle lesioni maligne – ha aggiunto la dottoressa Coppola – sono soprattutto quelli che sviluppano recidiva neoplastica a livello del collo, inoperabili o comunque non trattabili con altre strategie terapeutiche come la chemioterapia o quella radiometabolica. Un gruppo più ristretto è rappresentato poi dai pazienti che rifiutano l’intervento chirurgico o da quei casi di patologia nodulare che si accompagna ad ipertiroidismo, nei quali la termoablazione può essere proposta in alternativa ai trattamenti radiometabolici».

I noduli alla tiroide sono tra le patologie endocrine più frequenti. Gli studi hanno riportato come la prevalenza di noduli clinicamente evidenti sia pari a circa il 5% della popolazione, percentuale che negli studi ecografici raggiunge fino al 50 % dei soggetti esaminati. Sono oltre 2mila i pazienti con patologia tiroidea che annualmente sono in carico all’equipe dell’ospedale di Pescia grazie alla collaborazione con gli endocrinologi della provincia (dottori Deanna Belliti, Anita Armento, Elisa Corsini e Corinna Giuliani) .

«La termoablazione con radiofrequenza – ha sottolineato il dottor Stefano Michelagnoli, direttore del dipartimento chirurgico dell’Asl Toscana Centro – è una tecnica validata da oltre quindici anni e rappresenta una novità della nostra azienda. Infatti fino a poco tempo fa la tecnica era eseguita solo all’azienda universitaria di Pisa e in pochi altri centri in Italia. Considerando le potenzialità della metodica, grazie all’impegno della direttrice sanitaria Giuditta Niccolai, del direttore dell’area chirurgica Sandro Giannessi e del direttore gestione infermieristica area pistoiese Paolo Cellini, abbiamo deciso di investire sia in termini economici che in formazione sul Cosma e Damiano”.

L’Asl ha stimato in circa 50 gli interventi di termoablazioni ogni anno che si aggiungono ai 150 interventi chirurgici tradizionali eseguiti annualmente dalla chirurgia generale dell’ospedale di Pescia.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Lo strazio

Morte di Mattia Giani, la fidanzata Sofia: «Sarai l’amore della mia vita, proteggimi per sempre»